Viaggi
di Matteo Scotini 31 Gennaio 2018

In Cina c’è una piccola Parigi fac-simile che mette un po’ d’inquietudine

Cina-piccola-Parigi-Fac-simile 0 Francois Prost.com - foto di François Prost, 2017

 

In Cina e più precisamente nella città di Hangzhou, è possibile visitare il quartiere residenziale di Tianducheng (inauguarato nel 2006) dove sorgono imitazioni di vari monumenti che appartengono alla capitale francese. Una piccola Parigi fac-simile, proprio come a Las Vegas dunque, la differenza? Semplice: i monumenti sparsi per Tianducheng sono veramente difficili da distinguere da quelli originali.

I social cinesi sono ormai invasi da immagini che comparano i monumenti della capitale europea della romanticheria con le loro versioni orientali. Le testate giornalistiche locali e internazionali hanno notato la cosa e il quartiere di Hangzou si è guadagnato il soprannome di “piccola Parigi“. La sfida lanciata dagli utenti è molto chiara: riconoscere i monumenti originali.

 

Cina-piccola- Parigi-Fac-simile Francois Prost.com - Foto tratta da “Paris Syndrome” di François Prost, 2017

 

Le cosiddette “città replica” non sono una novità in Cina, e non è insolito che vengano letteralmente prese d’assalto da coppie di turisti che scattano le tipiche foto pre-matrimoniali. La “piccola Parigi” però sembra aver catturato anche l’attenzione della gente del posto. Weibo (il principale social network cinese) è pieno di thread che commentano la questione: non manca una certa dose di autoironia che ricalca lo stereotipo delle imitazioni cinesi destinate al mercato parallelo occidentale.

La “piccola Parigi” ha catturato anche l’attenzione di alcuni artisti occidentali: nel 2016 il quartiere ha fatto da sfondo per il videoclip del brano “Gosh” di Jamie XX firmato da Romain Gavras.
Il risultato è un’ ambientazione a metà tra Parigi e Gotham City: la meta preferita per la luna di miele europea il giorno dopo un disastro atomico. L’anno seguente il fotografo e graphic designer francese François Prost ha dedicato a questa città nella città un’intera serie fotografica dal titolo “Paris Syndrome” che ricalca in parte quello che sta accedendo sul social network cinese in queste settimane. Anche in questo caso la tentazione di riconoscere il falso è irresistibile.

 

Cina- piccola-Parigi-fac-simile 2 francoisprost.com - Foto tratta da “Paris Syndrome” di François Prost, 2017

 

Nonostante il clamore internazionale che il quartiere Tianducheng ha riscosso negli ultimi due anni, chi c’è stato (e con loro lo stesso Prost) descrive la zona come un quartiere residenziale semidisabitato destinato al’inurbamento della classe media cinese, che non sembra curarsi particolarmente dei monumenti da cui è circondata. Nell’ultimo anno questa città fantasma ha però visto un’impennata nel numero dei residenti che nel 2017 sono arrivati a circa 30000.
Se state programmando un viaggio in Cina e temete vi possa mancare, almeno un pochino, la vecchia Europa vi consigliamo di passare da Hangzhou e chiedere indicazioni per il quartiere di Tianducheng.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >