Web
di Mattia Nesto 25 Luglio 2017

La storia del simbolo @ è più antica di quanto pensi

Nonostante sia il simbolo della generazione digitale, il simbolo @ ha una storia molto antica. Ecco da dove proviene e perché è stato deciso di utilizzarlo in informatica

 

Quanto nervoso si prova quando per lavoro o per diletto, si detta per telefono il proprio indirizzo mail e si sente ripetere: “Chiocciolina giusto?”.  Già perché volenti e nolenti quello strano segno sulla tastiera o sul display dei nostri telefoni siamo proprio costretti ad usarlo: la @ è il vero simbolo della generazione digitale (o coscientemente digitalizzata) e per quanto uno ci provi a farlo capire non riuscirà mai a far comprendere la reale utilità di quello strano segno ai propri nonne e nonni.

 

Tuttavia una domanda sorge spontanea: da dove viene la @? Già perché se, bene o male, tutti gli altri segni che siamo portati ad utilizzare affondano le radici in storie piuttosto note e riconosciute, il mistero attorno alla @ rimane impenetrabile. Se si va a fare una ricerca su Wikipedia la nozione storia appare un po’ confusa e poco approfondita: si fa riferimento ad una non meglio precisata origine veneziana (addirittura del V secolo d.C.). Il simbolo @ sarebbe stato utilizzato per indicare il numero di vasi e le otri contenenti olio, vino e altri prodotti preziosi trasportati sulle navi: come al solito quando si parla di Venezia non si può fare a meno di tirare in mezzo i mercanti.

 

 

 

Eppure secondo una recente scoperta, riportata da  El Pais , la prima @ della storia avrebbe un’origine ed anche un significato tutto diverso. Osservando infatti un oscuro documento di un anonimo copista bulgaro, si nota infatti come al posto del classico amen di chiusura della missiva, l’amanuense vi abbia inserito la @. Perciò sarebbe stato battuto il record della prima @ della storia che, neanche a farlo apposta, era detenuto dal mercante fiorentino Francesco Lippi, che il 4 maggio 1536 a Siviglia. siglò un contratto commerciale utilizzando proprio la @.

 

 

 

Ciò nonostante questo eccezionale documento, proprio per la sua natura  di unico esemplare, non può ancora decretare una spiegazione certa. Anche perché, e in questo caso le testimonianze scritte si sprecano, in moltissimi documenti arabi per indicare una certa quantità di cetrioli o di angurie si usa la cifra seguita dalla @. Quindi un’unità di misura, un segno per indicare una quantità di prodotti? Potrebbe darsi considerando, oltre all’ovvia affinità con l’origine veneziana della chiocciolina, l’assonanza tra la parola arroba (arrùb nello spagnolo classico) e il termine arabo antico rub indicante giustappunto “una certa parte”.

 

 

Ma l’uso moderno della @ a cosa è dovuto? A fare luce su questo mistero ci ha pensato Ray Tomlinson, un ingegnere informatico che al congresso Computer World del 2007 ha spiegato che: “Si è deciso di usare la @ perché si doveva trovare una lettera poco usata, che di solito non compariva nei nomi dei server nei pc: la @ era la scelta giusta”. Ora quando la useremo per taggare qualcuno o fare la mention di questo o quel prodotto saremo tutti quanti più consapevole di quanto storia abbia quel piccolo segno sulle nostre tastiere. E non dite chiocciolina, vi prego!

 

 (aranzulla)

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >