Art
di Simone Stefanini 4 Ottobre 2018

La strana storia di Augusto De Luca, il cacciatore di graffiti

Augusto De Luca stacca e colleziona i graffiti attaccati ai muri delle città. La sua performance controversa ha sensibilizzato l’attenzione sulla street art in Italia

Il percorso di Augusto De Luca, fotografo e performer nato a Napoli nel 1955, è singolare e molto interessante. Laureato in giurisprudenza, diventa fotografo professionista nella metà degli anni ’70 e in carriera ha ritratto personaggi come Renato Carosone, Rick Wakeman, Carla Fracci, Giorgio Napolitano e Hermann Nitsch. Le sue fotografie compaiono in collezioni pubbliche e private come quelle della International Polaroid Collection (USA), della Biblioteca Nazionale di Parigi, dell’Archivio Fotografico Comunale di Roma, della Galleria Nazionale delle Arti Estetiche della Cina (Pechino), del Museo de la Photographie di Charleroi (Belgio). Insomma, avrete capito che si tratta di una carriera importante.

La storia si complica e prende un binario inaspettato quando Augusto, intorno al 2005, torna a Napoli dopo aver vissuto a Roma e si accorge che in città ci sono un sacco di disegni su carta che ricordano le opere di Keith Haring, Ronnie Cutrone e Kenny Scharf. Al tempo non conosceva la street art e immaginava che i lavori fossero opera di ragazzi, non una specifica corrente artistica, così iniziò a raccoglierli, per piacere e per preservarli dalle intemperie. Quando li staccava dai muri stava ben attento a non distruggerli e se non venivano via facilmente, li riattaccava per non sciuparli.

 

Con la moglie Nataliya prese l’abitudine di andare a caccia di sticker e graffiti su carta in giro per la città, munito di scaletta. Alcuni pezzi li ha persino restaurati, usando la stessa vernice. In questo modo ha raccolto un buon numero di lavori a testimonianza della street art italiana di quel determinato periodo. La sua operazione non passò inosservata e attirò l’attenzione di Luca Borriello dell’Osservatorio Nazionale su Writing, che riferì l’inusuale collezione a un giornalista che s’innamorò della performance, dedicandogli un articolo di 5 colonne su Il Mattino.

In seguito, Augusto De Luca ha iniziato una collaborazione col writer Iabo, che ha pubblicato il video Iabo cattura il cacciatore di graffiti. Resosi conto di aver accumulato un sacco di materiale, De Luca pubblicò il suo bottino su pagine, siti, blog e passò alla seconda parte dell’operazione, chiamata The world of Street Art revealed to everybody. L’idea era quella di portare la street art alla gente tramite internet, per sensibilizzare l’attenzione su questa forma d’arte troppo spesso vituperata.

 

Il suo lavoro è stato controverso e sulle prime, molti writer lo hanno accusato del furto delle loro opere. Man mano che l’attenzione saliva, tanti detrattori sono diventati sostenitori perché hanno capito lo spirito e la bontà della performance, che era tutta a favore della divulgazione e conoscenza della street art. Durante il suo lavoro, si è accorto che lo Stato si stava mettendo sempre con più veemenza contro i writer, appesantendo le pene per chi “imbrattava i muri”. In più, l’opinione pubblica spesso catalogava le opere su carta attaccate ai muri come spazzatura e De Luca ha contribuito a invertire la tendenza.

Da Ladro di graffiti a Paladino dei writer il passo è stato breve e nonostante la sua performance sia controversa, il dissenso iniziale è stato più importante del consenso perché ha fatto discutere e ha attirato l’attenzione della gente sulla street art.

Per saperne di più sul suo lavoro: Edueda, Wikipedia, Instagram

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >