Geek
di Mattia Nesto 2 Marzo 2020

Abbiamo provato la demo di Final Fantasy VII Remake

Il remake è un colpo al cuore, ancora più bello di come ce l’aspettavamo

Ho ancora le mani tremanti e ho appena posato il controller quando guardo fuori dalla finestra e la strana Milano di questi giorni mi appare in tutto il suo grigiore: ma stavolta colorato appena di una tonalità di verde mako inconfondibile. Queste sono le primissime, ma proprio prime prime prime, impressioni che ho avuto nel provare la demo gratuita di Final Fantasy VII Remake, disponibile su Ps Store di Sony Playstation.

Se ci seguite da qualche anno probabilmente quanto conti e sia importante il titolo con protagonista Cloud Strike nelle nostre vite. Se non vi ricordate bene c’è questo articolo di Simone Stefanini che vi può rinfrescare la memoria. Eppure dal 1997 ad oggi di acqua ne è passato sotto i ponti e dopo un percorso produttivo che definire travagliato è dire poco, finalmente il prossimo 10 aprile potremo mettere le mani, e il cuore, sul remake di questo importantissimo Final Fantasy VII.

 

Già ma la demo? No perché va bene tutto, va bene ripensare alla storia di FFVII, però oggi è uscita la demo, la demo gratuita no? E quindi com’è questa demo? Beh ho avuto l’occasione di provarla in più ripreso e devo ammettere che, tutte le volte sono rimasto stupito e ammirato. Quello che ci viene mostrato sulla demo è, probabilmente, uno dei vertici assoluti di questa generazione di videogiochi. A cominciare da un’estetica ma anche da una grafica letteralmente da urlo (le animazioni degli occhi sono qualcosa di incredibile) passando per una fedeltà all’opera originale che non poteva essere tradita ma doveva (ri)innovarsi, per il tempo presente fino a quel mix di cyberpunk e atmosfere alla Blade Runner tipiche di Midgar, tutto è stato realizzato come meglio non si poteva. Per dire: il sound-design cambia e si modifica a seconda dell’azione fatta su schermo. Le musiche sono sempre quelle, quelle meravigliose ost, ma che si sposano via via con quanto si fa nel gioco. Pazzesco!

Prendiamo ad esempio il combat system, tra le cose che forse maggiormente mi hanno colpito. Si tratta, ad oggi, della migliore evoluzione possibile del tradizionale combattimento a turni stile rpg, stile Final Fantasy classico diciamo, aggiornato ad un action-jrpg come sarà Final Fantasy VII Remake. Grazie alla pressione del tasto x, potremo rallentare il tempo di gioco, permettendoci così di aprire un menu attraverso cui potremo scegliere se attaccare con le magie oppure con le nostre abilità speciali, tipo l’affondo di Cloud o la raffica del mitragliatore di Barret. Considerate poi che nelle fasi più accese di combattimento, semplicemente selezionando la freccia destra o sinistra, potremo cambiare il personaggio e quindi aprirci ad una lotta molto tattica, sfruttando le specifiche di ogni pg.

Come vedete, il combat-system appare veramente spettacolare ma è anche molto funzionale e immediato, permettendoci delle combo, delle azioni di combattimento e anche proprio uno stile di gioco unico nel suo genere. E poi non voglio certo dimenticarmi delle atmosfere che Final Fantasy VII Remake, in questa versione demo, mi ha regalato. Devo ammettere di essermi soffermato a lungo sulla componente estetica, se non proprio grafica, rimanendo folgorato.

Certo qualche piccolo bug l’ho scovato, tipo quando bisogna salire per delle scale e i poligoni dei personaggi si compenetrano come non ho particolarmente apprezzato il fatto che degli scatoloni di cartone, posti lungo i vari corridoi e reattori, non potevano esseri fatti a pezzi dalla spada del nostro buon Cloud.

Però, insomma, me ne rendo conto: ho voluto cercare il pelo nell’uovo. Perché poi bastava guardare negli occhi Cloud e ci si scordava tutto. Insomma con una boss-fight (che avete visto tutti, quello del mecha-scorpione elettrico, dai lo sappiamo!) a fasi assurdamente bella e sfidante (specie a difficoltà più elevate immagino), questa demo di Final  Fantasy VII Remake sarà destinata ed essere giocata e rigiocata molte volte. Per una durata complessiva di circa venti minuti (quaranta o cinquanta se si è malati come me!) è un buon modo per attendere il 10 aprile, giorno di uscita per Playstation 4 di Final Fantasy VII Remake.

 

Final Fantasy VII Remake

Compra | amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >