Geek
di Mattia Nesto 12 Febbraio 2020

Con Dreams, tutti potranno creare il loro videogioco personale

L’esclusiva di Sony Playstation in uscita il 14 febbraio e che abbiamo provato in early-access, ci ha fatto scoppiare la testa di creatività

Tutte le immagini ci sono state fornite per gentile concessione di Sony Playstation  Tutte le immagini ci sono state fornite per gentile concessione di Sony Playstation

Quando la scorsa settimana abbiamo partecipato a Milano al release party di Dreams, la nuova esclusiva di Sony Playstation realizzata dalle ragazze e dai ragazzi di Media Molecule, siamo stati letteralmente investiti da una tale quantità di buone vibrazioni, creatività applicata al mondo del lavoro e piacere nel condividere le proprie idee come da tempo non  capitava. Già perché Dreams più che un gioco nudo&crudo è davvero quello che si potrebbe definire una sorta di piattoforma di idee in cui sviluppatori e giocatori, senza soluzione di continuità, si mettono in gioco, scambiano suggestioni e entrano in un circolo virtuoso di suggestioni, rimandi e riferimenti incrociati. Ma andiamo con ordine.

Per parafrasare il bel film di Matteo Garrone, Dreams è un gioco di giochi ovvero con questo titolo si può costruire da zero un livello di gioco, a partire dalle sue fondamenta. Infatti, durante l’incontro organizzato da Sony a Milano, abbiamo potuto assistere agli stessi membri dei Media Molecule che armati di controller andavano via via a realizzare livelli e mondi di gioco sempre più complessi. E quando vi diciamo costruire mondi di gioco vogliamo dire che si possono scegliere, esattamente, il tipo di alberi che andremo a selezionare, la nuance cromatica delle foglie e, naturalmente, le dimensioni del fusto nonché della chioma. Così per ogni singolo elemento del livello che andremo a costruire: dalle nuvole ai ruscelli, dall’estetica e fisica dei personaggi alla dimensione delle montagne o dall’ampiezza delle pianure alla morfologia del terreno.

Non stupisce perciò che durante la fase di lancio, quando sono state realizzate le versione beta e alfa del gioco, gli utenti si siano sbizzarriti nel costruire delle vere e proprie meraviglie fai-da-te. Ad esempio, recentemente, un utente ha rifatto The Last of Us con la grafica e l’estetica della Ps1. Qui sotto eccovi questa meraviglia.

In uscita il prossimo 14 febbraio, non a caso il giorno di San Valentino, Dreams è una sorta di dichiarazione d’amore nei confronti della creatività. Infatti con questo gioco non soltanto potremo affrontare i livelli che gli sviluppatori hanno creato per noi, con una vera e propria storyline, chiamata Il sogno di Art, che ci farà impersonare un musicista alle prese con la ricostituzione della propria band abbandonata anni prima, ma anche quelli che i vari utenti sparsi in tutto il mondo andranno a creare.

Si tratterà quindi di mettere in rete e in condivisione totale le proprie idee: naturalmente anche noi stessi potremo inserire nel database di gioco il nostro livello, cosicché altri giocatori lo possano sperimentare. Se state pensando a titoli come Mario Maker, in cui si va a realizzare il proprio livello di Super Mario, ci siete andati vicini ma possiamo dirvi che, a livello proprio di tool e possibilità offerte, Dreams fa un reale balzo in avanti in questo senso.

Avendo la possibilità, persino, di decidere la conformazione del terreno, il livello di esposizione, nonché la tonalità dominante del proprio mondo, la nostra creatività potrà essere espressa al massimo grado. Certo se vi state chiedendo se Dreams non sia un gioco che, molto più rispetto ad altri, necessita di un forte, fortissimo coinvolgimento attivo da parte del giocatore, noi non possiamo rispondervi che sì. Nonostante, come già ricordato, vi siano degli asset e dei livelli pre-fatti, il bello vero di Dreams è quello realizzato con le proprie mani ma anche sperimentare le creazioni degli altri giocatori non è niente male, anzi è bellissimo.

Come ci hanno detto i membri di Media Molecule l’intenzione era quella di cambiare il modo in cui ci si approccia ad un gioco. I creatori dell’amatissimo Little Big Planet infatti hanno dichiarato come si sia voluto puntare ad un titolo che tutti potessero giocare, perché con pochi passi si può costruire un mondo. Ad esempio la decisione di poter giocare anche utilizzando i move-controller della Playstation Vr va proprio nella direzione di aprire il più possibile il pubblico. I responsabili del tema hanno poi aggiunto come ci si possa semplicemente divertire, magari cazzeggiando di livello in livello ma si possa anche decidere di sviluppare e costruire da zero un vero e proprio gioco, fatto e finito. Sta a a noi la scelta insomma.

Con un’estetica e un concept unico nel suo genere la nuova esclusiva di casa Sony è davvero un qualcosa di coraggioso nonché di insolito nel mondo del gaming: dare le piene redini del controllo in mano al giocatore, senza paura e senza troppi timori. Quando perciò vi accingerete a costruire il vostro personale mondo di gioco oppure vi addentrerete nella costruzione creativa di quel dato utente o di quel dato sviluppatore dei Media Molecule, abbandonate ogni paura e lasciatevi conquistare: su Dreams se lo immagini, puoi. 

DREAMS – PlayStation 4

Compra | amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >