Geek
di Mattia Nesto 12 Febbraio 2020

Con Dreams, tutti potranno creare il loro videogioco personale

L’esclusiva di Sony Playstation in uscita il 14 febbraio e che abbiamo provato in early-access, ci ha fatto scoppiare la testa di creatività

Tutte le immagini ci sono state fornite per gentile concessione di Sony Playstation  Tutte le immagini ci sono state fornite per gentile concessione di Sony Playstation

Quando la scorsa settimana abbiamo partecipato a Milano al release party di Dreams, la nuova esclusiva di Sony Playstation realizzata dalle ragazze e dai ragazzi di Media Molecule, siamo stati letteralmente investiti da una tale quantità di buone vibrazioni, creatività applicata al mondo del lavoro e piacere nel condividere le proprie idee come da tempo non  capitava. Già perché Dreams più che un gioco nudo&crudo è davvero quello che si potrebbe definire una sorta di piattoforma di idee in cui sviluppatori e giocatori, senza soluzione di continuità, si mettono in gioco, scambiano suggestioni e entrano in un circolo virtuoso di suggestioni, rimandi e riferimenti incrociati. Ma andiamo con ordine.

Per parafrasare il bel film di Matteo Garrone, Dreams è un gioco di giochi ovvero con questo titolo si può costruire da zero un livello di gioco, a partire dalle sue fondamenta. Infatti, durante l’incontro organizzato da Sony a Milano, abbiamo potuto assistere agli stessi membri dei Media Molecule che armati di controller andavano via via a realizzare livelli e mondi di gioco sempre più complessi. E quando vi diciamo costruire mondi di gioco vogliamo dire che si possono scegliere, esattamente, il tipo di alberi che andremo a selezionare, la nuance cromatica delle foglie e, naturalmente, le dimensioni del fusto nonché della chioma. Così per ogni singolo elemento del livello che andremo a costruire: dalle nuvole ai ruscelli, dall’estetica e fisica dei personaggi alla dimensione delle montagne o dall’ampiezza delle pianure alla morfologia del terreno.

Non stupisce perciò che durante la fase di lancio, quando sono state realizzate le versione beta e alfa del gioco, gli utenti si siano sbizzarriti nel costruire delle vere e proprie meraviglie fai-da-te. Ad esempio, recentemente, un utente ha rifatto The Last of Us con la grafica e l’estetica della Ps1. Qui sotto eccovi questa meraviglia.

In uscita il prossimo 14 febbraio, non a caso il giorno di San Valentino, Dreams è una sorta di dichiarazione d’amore nei confronti della creatività. Infatti con questo gioco non soltanto potremo affrontare i livelli che gli sviluppatori hanno creato per noi, con una vera e propria storyline, chiamata Il sogno di Art, che ci farà impersonare un musicista alle prese con la ricostituzione della propria band abbandonata anni prima, ma anche quelli che i vari utenti sparsi in tutto il mondo andranno a creare.

Si tratterà quindi di mettere in rete e in condivisione totale le proprie idee: naturalmente anche noi stessi potremo inserire nel database di gioco il nostro livello, cosicché altri giocatori lo possano sperimentare. Se state pensando a titoli come Mario Maker, in cui si va a realizzare il proprio livello di Super Mario, ci siete andati vicini ma possiamo dirvi che, a livello proprio di tool e possibilità offerte, Dreams fa un reale balzo in avanti in questo senso.

Avendo la possibilità, persino, di decidere la conformazione del terreno, il livello di esposizione, nonché la tonalità dominante del proprio mondo, la nostra creatività potrà essere espressa al massimo grado. Certo se vi state chiedendo se Dreams non sia un gioco che, molto più rispetto ad altri, necessita di un forte, fortissimo coinvolgimento attivo da parte del giocatore, noi non possiamo rispondervi che sì. Nonostante, come già ricordato, vi siano degli asset e dei livelli pre-fatti, il bello vero di Dreams è quello realizzato con le proprie mani ma anche sperimentare le creazioni degli altri giocatori non è niente male, anzi è bellissimo.

Come ci hanno detto i membri di Media Molecule l’intenzione era quella di cambiare il modo in cui ci si approccia ad un gioco. I creatori dell’amatissimo Little Big Planet infatti hanno dichiarato come si sia voluto puntare ad un titolo che tutti potessero giocare, perché con pochi passi si può costruire un mondo. Ad esempio la decisione di poter giocare anche utilizzando i move-controller della Playstation Vr va proprio nella direzione di aprire il più possibile il pubblico. I responsabili del tema hanno poi aggiunto come ci si possa semplicemente divertire, magari cazzeggiando di livello in livello ma si possa anche decidere di sviluppare e costruire da zero un vero e proprio gioco, fatto e finito. Sta a a noi la scelta insomma.

Con un’estetica e un concept unico nel suo genere la nuova esclusiva di casa Sony è davvero un qualcosa di coraggioso nonché di insolito nel mondo del gaming: dare le piene redini del controllo in mano al giocatore, senza paura e senza troppi timori. Quando perciò vi accingerete a costruire il vostro personale mondo di gioco oppure vi addentrerete nella costruzione creativa di quel dato utente o di quel dato sviluppatore dei Media Molecule, abbandonate ogni paura e lasciatevi conquistare: su Dreams se lo immagini, puoi. 

DREAMS – PlayStation 4

Compra | amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >