TV e Cinema
di Mattia Nesto 12 Febbraio 2020

Il trailer di The French Dispatch è Wes Anderson all’ennesima potenza

Estetica da urlo e cast stellare: possiamo chiedere di meglio?

Parliamoci molto chiaramente e guardiamoci negli occhi: al termine dei due minuti e venticinque secondi del primo trailer di The French Dispatch abbiamo perso l’uso della mascella. Già perché il nuovo film di Wes Anderson, almeno alla prima visione del trailer, ci pare essere una vera e propria apologia dell’iconico regista americano. Insomma più Wes Anderson di così si muore e a noi va bene, anzi benissimo così.

 

Lo stile è inconfondibile: inquadrature simmetriche, colori pastello e inarrivabile gusto vintage per costumi e arredamenti, senza dimenticare un cast da urlo: da Bill Murray, vero e proprio attore-feticcio di Wes Anderson, a Elisabeth Moss, Owen Wilson, Tilda Swinton passando per Adrien Brody, Benicio del Toro ma anche Léa Seydoux, Lyna Khoudri e Timothée Chalamet. Insomma non vediamo l’ora di vivere la nuova magia cinematografica ambientata nell’immaginaria città di Ennui-sur-Blasé.

View this post on Instagram

#TheFrenchDispatch Trailer releasing tomorrow

A post shared by The French Dispatch (@frenchdispatch) on

Da quanto si è capito dalle prime informazioni trapelate, la storia ruoterà attorno alla redazione di The French Dispatch, fittizio giornale americano in Francia. All’interno dell’edificio seguiremo le vicende dei singoli redattori, giornalisti e dei personaggi che gli ruotano attorno. Sappiamo che Bill Murray impersonerà Arthur Howitzer, Jr., l’editore del The French Dispatch’, la cui redazione sarà costituita da Elisabeth Moss, Owen Wilson, Tilda Swinton, Fisher Stevens, Griffin Dunne e Wally Wolodarsky. Léa Seydoux sarà invece una guardia carceraria ma anche musa e modella d’arte che si prenderà cura, per così dire, di Benicio Del Toro, artista incarcerato per misteriosi motivi mentre Timothée Chalamet sarà un giovane studente rivoluzionario.

Ci sembrano tutti gli elementi giusti per un gran film, realizzato nel più classico e puro degli stili à la Wes Anderson. Non ci resta quindi che attendere di vederlo al cinema, in America è previsto per il prossimo 24 luglio, per dire, parafrasando Me ne frego di Achille Lauro: ci sono, anzi ci siamo cascati di nuovo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >