Libri
di Simone Stefanini 21 Febbraio 2019

Il censimento dei radical chic è il romanzo distopico definitivo dell’Italia di oggi

Il nuovo libro di Giacomo Papi mostra il futuro dell’Italia in cui la cultura è vista come provocazione e non come valore

Immaginate un’Italia in cui la cultura sia vista come minaccia e provocazione, mentre l’ignoranza sia elevata al rango di semplice verità, in cui il popolo sia sovrano, ma non tutto il popolo, solo la parte più popolare, se ci siamo capiti. Difficile da immaginare, vè?

Un’Italia ribaltata, eppure estremamente familiare, in cui esiste un garante per la semplificazione della lingua italiana e in cui le persone che hanno studiato sono viste come minaccia, perché sanno fare cose che gli ignoranti ignorano, in cui il Ministro dell’Interno, dopo aver chiuso i porti e messo dazi dappertutto, ha incorporato anche la carica di Presidente del Consiglio.

In questo panorama fosco e immaginabile, il professor Prospero si fa sfuggire una citazione di Spinoza in un talk show. Il presentatore lo cazzia: “Questo è uno show per famiglie, e chi di giorno si spacca la schiena ha il diritto di rilassarsi e di non sentirsi inferiore” , da quel momento il professore viene coperto di minacce via social da parte del pubblico, che dalle parole passa ai fatti e lo uccide a son di botte  sul pianerottolo di casa. L’opinione pubblica dirà che un po’ se l’è cercata.

Ecco come inizia Il censimento dei radical chic, il nuovo romanzo di Giacomo Papi, già editor di Einaudi Stile Libero e autore di Che Tempo Che Fa e Le Invasioni Barbariche, nonché scrittore di romanzi come I primi tornarono a nuoto (2012) o La compagnia dell’acqua (2017), che dal 2017 dirige la scuola di scrittura Belleville di Milano e la piattaforma di lettura e scrittura online TYPEE. Fatta la doverosa biografia dell’autore, concentriamoci sul contenuto di un romanzo ironico, satirico, ma anche profondamente disturbante perché verosimile.

Prima iniziarono a cacciare gli immigrati, una volta finiti toccò ai rom, quindi a raccomandati e omosessuali. Una volta sparite tutte le minoranze, toccò agli intellettuali, chiamati per semplificazione radical chic. Dopo il primo morto e la (timida) protesta della categoria, il Ministro istituisce il Registro Nazionale degli Intellettuali e dei Radical Chic per censire quelli che, con parole sue, si sentono più intelligenti degli altri.

Un romanzo spietato e nero, che (come si dice in questi casi) andrebbe fatto leggere nelle scuole, ma così non sarà, quindi prendetevi la pena di leggerlo a casa vostra per immaginare cosa potrebbe diventare l’Italia se la cultura fosse bandita o vista come privilegio e non come valore. Non serve troppa fantasia, di questi tempi, per immaginare un futuro del genere.

Il censimento dei radical chic – Giacomo Papi

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
23,80 €

Là fuori. Guida alla scoperta della natura

Là fuori è una guida alla scoperta della natura, pensata e scritta per bambini e ragazzini. Un libro che risponde alle domande che nascono osservando la natura, anche in città, nei parchi, nelle aiuole, nei giardini. Alberi e fiori, nuvole e stelle, rocce e sabbia, uccelli, rettili e mammiferi... Là fuori è un libro che invita i bambini all'osservazione della natura, a notare i dettagli e insegna a stupirsi. Vi sono anche diverse attività per suscitare interesse e innescare meccanismi di gioco che sono anche percorsi formativi per i bambini.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >