Natura
di Manuel Urrazza 12 Novembre 2018

Tutti i panda del mondo sono armi diplomatiche

I panda e la geopolitica. I più buffi animali del creato sono anche dei funzionari di alto rango della diplomazia cinese

 

panda non sono solo delle pigre e tenere palle di pelo create l’ottavo giorno dal Dio delle coccole, sono anche dei funzionari di alto rango della diplomazia cinese, perché, cosa poco nota, tutti i panda giganti del mondo sono di proprietà cinese, anche quelli nati in altre nazioni.

I panda giganti vivono in natura solo nel Qinling e nel Minshan, due piccole zone montuose all’interno della Cina rurale e sono circa 1500 esemplari. Altri 500 vivono in cattività, di questi solo 70 vivono fuori dalla Cina, e sono fuori dai confini nazionali per delle ragioni molto precise. I primi panda ad essere inviati all’estero nella storia recente erano dei regali diplomatici (l’usanza di regalare animali rari ad altri stati è abbastanza diffusa in oriente), ne furono inviati 23 a nove differenti nazioni tra il 1958 ed il 1982, ma dal 1984 ci fu un cambiamento importante.

 

 

Dal 1984 la Cina smise di regalare i panda, ed iniziò a concederli con dei contratti di affitto a lungo termine che prevedono il pagamento di 1 milione di dollari all’anno per panda. Tra le molte clausole c’è l’importazione di bambù dalla Cina, il pagamento di consulenze fatte da esperti cinesi, una multa di 500mila dollari nel caso in cui un panda muoia per colpa dello zoo. Ogni prodotto biologico dei panda come sangue, ovuli, sperma, pelliccia, rimane di proprietà cinese, e soprattutto la clausola più importante, che prevede che ogni cucciolo di panda nato in territorio straniero sia comunque cinese, ed ovviamente non è gratis, costa 400mila dollari all’anno.

Quest’ultima clausola è la chiave di quella che viene chiamata Panda diplomacy, di fatto non è sufficiente avere abbastanza denaro per affittare un panda, bisogna avere anche buone relazioni con la “casa madre”, e qui il detto follow the money si tramuta in follow the panda and find the money.
La maggior parte delle concessioni di panda in affitto è l’atto finale di importanti accordi commerciali con la Cina. Australia, Canada e Francia, hanno ricevuto dei panda dopo aver concluso accordi di vendita di uranio e tecnologie nucleari.

Nel 2010, dopo che il dissidente cinese Liu Xiaobo venne premiato con il Nobel per la pace (il Nobel per la pace viene consegnato ad Oslo a differenza di tutti gli altri premi Nobel, conferiti in Svezia), la Cina smise di importare salmone norvegese e firmò un contratto da 4 miliardi di dollari con la Scozia, inviando poi un panda allo zoo di Edinburgo.

 

 

Se i buoni rapporti portano panda, i cattivi rapporti ed a volte anche solo delle frizioni non portano fortuna. I panda negli zoo stranieri sono degli inconsapevoli e paffuti diplomatici, che possono venire richiamati in patria in caso di tensioni tra il paese ospitante e la Cina. Ritirare un proprio diplomatico è un atto formale con un grande peso nei rapporti internazionali, ed i panda sono delle armi diplomatiche cinesi.

Nel 2010 la Cina chiese pubblicamente al presidente Obama di non incontrare il Dalai Lama, Obama non poteva certo chinare il capo di fronte ad una richiesta cinese (come invece fece l’Austria nel 2013). Due giorni dopo l’incontro, due cuccioli di panda nati in territorio statunitense vennero fatti rimpatriare dalla Cina grazie alla clausola per la quale ogni panda del mondo, ovunque sia nato, è di proprietà della Repubblica Popolare Cinese.

La diplomazia dei panda rientra nella strategia del soft power (volta ad incrementare la propria influenza e prestigio internazionali e renderli pari alla loro già immensa forza economica e militare), ed è gestita ai più alti livelli della politica cinese, il presidente Xi Jinping firma personalmente i contratti che legano i panda alle nazioni straniere, e seppur il protocollo burocratico non sia pubblico, è noto che in molti casi la Cina voglia da parte della nazione che riceverà il panda una richiesta pubblica, fatta di persona da parte del suo più alto rappresentate (come Angela Merkel nel 2017), un processo che richiama volutamente gli antichi rituali dell’impero celeste.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >