Society
di Lucrezia Costantino 24 Novembre 2020

Perché ci sono sempre più casi di revenge porn?

La maestra di Torino è solo una delle vittime di questo fenomeno. Sempre più donne denunciano e sempre più donne sono vittime di violenza psico-fisica

In questi giorni, oltre ai dati della pandemia che ci tengono con l’acqua alla gola, sentiamo parlare sempre più spesso di revenge porn. Il caso della maestra di Torino è solo uno dei tanti episodi che si verificano giorno dopo giorno.

Cos’è il revenge porn?

Il revenge porn è la condivisione pubblica di immagini o video intimi tramite internet, senza il consenso dei protagonisti degli stessi. L’Italia è uno dei pochi paesi in cui esiste una legislazione a riguardo: la legge che condanna l’atto è entrata in vigore il 9 agosto 2019 con il titolo di “Codice rosso”.

“Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5.000 a 15.000 euro”.

Solo al terzo comma della legge si parla del caso più comune di revenge porn: gli ex che, per vendicarsi di una relazione terminata, divulgano materiale ricevuto dalla propria compagna, magari consensualmente, in rete o agli amici. In questa circostanza la pena è aumentata.

Condividere materiale privato è tutt’altro che divertente

Perché un uomo agisce in questo modo? Per mostrarsi virile? Per goliardia? Per vendetta? Mettiamo che io e il mio fidanzato vogliamo eccitarci inviandoci reciprocamente foto o video in cui ci mostriamo nudi, perché devo avere il timore che questi vengano divulgati? Condividere materiale intimo della persona che si pensava di amare, non è goliardia, non è divertimento, ma è pura cattiveria.

Il problema di fondo è che la vittima in questione, non solo deve combattere con i suoi demoni interiori, ma viene sottoposta a uno slut shaming. Viene allontanata da tutti e, come se non bastasse, in circostanze più gravi, c’è la possibilità che la vittima possa perdere il lavoro, come è successo alla maestra di Torino. Nella maggior parte dei casi, gli uomini, ma anche donne, per estraniarsi dal fatto compiuto, colpevolizzano la vittima per il reato subito. Se una donna oggi vuole esprimersi usando la propria sessualità viene condannata, mentre chi ha condiviso il video no.

Quando si usano bene i social media

In questa storia, fortunatamente, non c’è solo del marcio. I social media sono stati di fondamentale importanza per sensibilizzare la questione e in molti hanno mostrato solidarietà alla maestra di Torino. Per l’occasione è stato lanciato un hashtag #iostoconlamaestra e in molti hanno aderito. Geppi Cucciari, ad esempio, ha recitato un monologo in cui mostra la propria vicinanza alla donna. Stessa cosa hanno fatto l’ex calciatore Claudio Marchisio e anche la columnist Carlotta Vagnoli, la quale ha girato un video in cui spiega per bene (vi consigliamo di vederlo) cos’è il revenge porn.

I dati

A un anno dalla legge che ha introdotto modifiche rilevanti sulla violenza domestica e di genere, i numeri sono, ancora, da capogiro. Ci sono stati anche casi di revenge porn al maschile, ma sono solo il 10% mentre il restante 90% è formato da donne. Alcuni dati della Direzione centrale della Polizia criminale hanno affermato che dopo il primo lockdown c’è stato un picco di diffusione di materiale privato. Sono due gli episodi al giorno di revenge porn, due video ogni 24 ore e, il più delle volte, le protagoniste, sono minorenni. L’aumento delle denunce è subentrato nel momento in cui sempre più donne denunciano la vicenda, ma c’è da sottolineare che sono sempre di più gli atti di violenza.

Secondo un campione raccolto da End Revenge Porn: a campaign of the cyber civil rights initiative, su un campione di 1600 donne, il 61% dichiara di essersi scattata delle fotografie intime e di averle condivise con qualcuno, tra queste il 23% ha dichiarato di essere stata vittima di revenge porn. Il 68% di queste sono ragazze che hanno un’età che varia dai 18 ai 30 anni e il 27% dai 18 ai 22.

E in Italia?

Durante il primo lockdown sono aumentate di molto le violenze domestiche. Solo in Italia sono 718 i casi di diffusione illecita di immagini e video privati e tra questi l‘81% delle vittime è composto da donne. In termini regionali invece, al primo posto abbiamo la Lombardia, seguono poi la Sicilia, la Campania e infine l’Emilia Romagna.

Le conseguenze psicologiche

Una delle conseguenze di essere vittima di revenge porn è cadere in un burrone emotivo. La vergogna, la paura, la rabbia verso sé stessi sono tra le principali conseguenze psicologiche che una donna può provare. Secondo alcuni dati, il 93% delle donne, che è stata vittima di revenge porn, ha vissuto un forte stress a livello emotivo e psicologico. L’82% ha sofferto danni in termini sociali e occupazionali e il 51% ha pensato al suicidio. In merito a quest’ultimo non può passare inosservata la vicenda di Tiziana Cantone, la quale non solo è stata vittima di revenge porn, ma ha dovuto cambiare regione e, nonostante tutto, non è riuscita a trovare lavoro. In pochi le sono stati vicino, in pochi l’hanno ascoltata e nessuno l’ha aiutata. Tiziana Cantone non ce l’ha fatta e così ha scelto la peggiore delle ipotesi: il suicidio.

Può capitare a tutte di essere vittime di revenge porn, tutte possiamo essere Tiziana Cantone o la maestra di Torino. A quanto pare oggi una donna può esprimere la propria sessualità solo in base al proprio stato occupazionale e alla propria “fama”. Ed è proprio questo il punto: la nostra società continua a vedere il corpo della donna come un elemento di possesso, perché è di questo che si sta parlando. Le azioni dell’ex fidanzato della maestra di Torino sono la dimostrazione che la nostra è una società patriarcale che fa finta di valorizzare il sesso femminile, e questo non va bene.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >