Le 6 più allucinanti ed ambigue versioni di Alice nel Paese delle Meraviglie che abbiate mai visto

Se ti piace Alice nel Paese delle meraviglie e pensi di averlo visto in tutte le salse, leggi qui.

Di versioni totalmente allucinanti, disturbanti ed angoscianti seppur meravigliose del classico di Lewis Carroll ce ne sono molte. Lo stesso autore di Alice nel Paese delle Meraviglie fu accusato di pedofilia (anche se mai dimostrata) ai danni, tra gli altri, anche di Alice Liddel, la bambina che ispirò allo scrittore britannico il suo capolavoro. (Sotto ritratta in una foto dello stesso Carroll)

alice-liddell-2

Se pensiamo alle trasposizioni cinematografiche del libro più lisergico di tutti i tempi, la prima cosa che viene in mente è il classico Disney del 1951, seguito dal film (bruttino per la verità) di Tim Burton del 2010. In pochi però sanno che imprimere su pellicola le avventure della piccola Alice col Bianconiglio, lo Stregatto e la perfida Regina di Cuori è stato un chiodo fisso già dagli albori del cinema, addirittura nel 1903.

 

1) “Alice in Wonderland” di Cecil M. Heoworth e Percy Stow (1903)

Alice-in-Wonderland-1903-ACMI

Dura meno di 10 minuti, chiaramente muto, contiene ottimi effetti speciali per il tempo, tipo il rimpicciolimento della Sala dalle Molte Porte di Alice e la trasformazione in gigante di quest’ultima, interpretata da May Clark.  Combina mistero gotico e surrealismo. Vi consigliamo caldamente di vederlo tutto qui sotto (e di dare un’occhiata anche alla successiva versione muta del 1915, che trovate su YouTube):

2) “Alice in Wonderland” di Norman Z. McLeod (1933)

Annex - Henry, Charlotte (Alice in Wonderland)_01

Il primo film col sonoro riguardante le avventure di Alice prese da “Alice nel Paese delle Meraviglie” e “Attraverso lo Specchio e quel che Alice vi trovò”, due libri di Carroll. Ottima messa in scena, begli effetti speciali e costumi veramente inquietanti. Alice è interpretata da Charlotte Henry. Guarda la prima parte qui sotto:

3) “Curious Alice” – Pubblicità Antidroga americana (1971)

AliceDelight

Semplicemente fantastica, tra animazione ed immagini meravigliose che, più che farti schifare la droga, te la fanno piacere… In questo senso è una campagna del tutto fallimentare.

4) “Alice in Wonderland – An X-Rated Musical Comedy” di Bud Townsend (1976)

Alice_in_Wonderland2

Nel bel mezzo degli anni ’70, ispirati dalla liberazione sessuale, poteva forse mancare la versione pornografica? Ma attenzione amici, niente a che vedere con i porno di adesso: questo è un vero e proprio musical con le sue canzoni originali, i costumi, la trama e le scene di sesso. Ne esistono due versioni, quella vietata ai minori di 14 anni e quella più penetrante vietata ai minori di 18. Non vi mettiamo il link ma tanto lo trovate in una schermata di Google. Alice è interpretata (e bene) da Kristine DeBell.

5) “Malice in Wonderland” –  Vince Collins & Mikawo (1982)

Schermata 2015-05-18 alle 14.38.34

Il cartone animato più malato di tutti i tempi, in nemmeno 5 minuti porta Malice dentro un trip fatto di vagine, falli e creature mostruose in un turbine di perversione senza senso. Magari negli anni 70 avrebbe avuto successo, ma nel mezzo degli 80s la gente che l’ha visto ha esclamato “che cazzo ho appena guardato?”. Ora potete farlo anche voi:

https://youtu.be/YSZkA7rbZuQ

6) “Alice” (Qualcosa di Alice) –  Jan Švankmajer (1988)

alice-jan-svankmajer

Il più bello e desolato. Il regista cecoslovacco Jan Švankmajer è un genio e questo lavoro ne è la riprova. 86 minuti di ambiguità, sproporzioni, animazioni a passo uno con bambole e burattini impagliati. Nel mezzo lei, la piccola Kristýna Kohoutová nei panni di Alice, che fa un viaggio inquietante in un mondo grottesco. Guardalo qui sotto:

https://vimeo.com/109681583

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >