TV e Cinema
di Sandro Giorello 16 Aprile 2012

Battleship: tre modi per non guardarlo correttamente [recensione]

Sia chiaro, colpa mia. Avevo un po” frainteso il campo di forza. Nel senso: delle navi aliene riescono ad isolare alcune navi militari mandandogli in tilt i radar e recintandole in uno scampolo di mare (grazie appunto al campo di forza). Credevo che uno spunto narrativo del genere dirigesse “Battleship” verso uno di quei film girati su un unico set, tipo “L”Angelo Sterminatore”, “Carnage”, “Dieci Piccoli Indiani”, ecc ecc. Ok, era assurdo sperare che prendendo l”idea della battaglia navale (quella dove uno segna su un foglio a quadretti le ipotetiche posizioni delle navi dell”altro e prova ad affondarle) e sommandola ad un action movie di ultima generazione si ottenesse un mix perfetto di effetti speciali ed un intricato e cevellotico sistema di super mosse stategiche. In seconda ipotesi, allora, ho sperato che le protagoniste fossero proprio le due navi e che queste si facessero il culo a vicenda per tutti i 90 minuti. Perchè: a me i film in qualche modo “minimali”, girati in una precisa e ristretta parte della scenografia e che per l”intera durata della storia girano attorno ad una sola idea, mi rilassano, mi piacciono in una maniera che non potete immaginare, è come se il mio cervello delimitasse meglio la zona su cui applicare l”attenzione e spegnesse tutti gli altri neuroni che non gli servono.

Terza ipotesi: diventa una guerra di trincea, di quelle lunghe, logoranti La comodita di giocare da casa si unisce ai vantaggiosi bonus omaggio, e grazie alla elevata qualita dei giochi proposti dai migliori casino online aams, hai la certezza di poter contare su un gioco sempre sicuro e con percentuali di pagamento oneste e controllate. e cariche di tensione, in più c”è il fattore isolamento/mare (a maggior ragione: isolamento/mare/campo di forza); vuoi scommettere che c”è una scena di sesso tra il protagonista e l”unica donna a bordo?

No, niente sesso.

In realtà questa cosa della battaglia navale [intesa (lo ripeto) col tentare la sorte su un reticolato fisso di lettere e numeri e non, ovvio, come un semplice scontro tra navi] nella vita reale si traduce così: i radar sono manomessi, ok, allora i marinai si ricordano di un vecchio sistema radio che traccia lo spostamento delle acque grazie ad una serie e di boe trasmittenti disseminate a distanza regolare nell”oceano. Questa battaglia navale durerà una ventina di minuti al massimo. Il resto sono alieni che escono dal campo di forza e vanno a distruggere l”America senza un ben preciso ordine; Rihanna (l”unica donna a bordo), che proprio una brava attrice non è; un reduce di guerra con due protesi al posto delle gambe che insieme a Brooklyn Decker e ad uno scienziato difende la collina con il super trasmettitore, quello utile agli allieni per chiamare i riforzi (e mi chiedo, la collina non la poteva difendere il Pentagono?); una corazzata della seconda guerra mondiale che fa una sgommata in mare (a tutta velocità butta l”ancora, si fa una derapata in acqua inclinandosi il giusto per schivare dei missili e sparare di lato alla nave aliena); degli anziani (veterani della seconda guerra mondiale) che salvano il mondo perchè sono gli unici marines rimasti vivi all”interno del campo di forza. Un minestrone di trame che può essere riassunto con: gli alieni vogliono fare il culo agli umani, sembra che ce la facciano, ma alla fine no. Sia chiaro, c”è molta confusione ma nessuno in sala sembrava preoccuparsene.

 

(Brooklyn Decker)

 Poi gli Alieni: sono fatti proprio male, poco più di un soldato di Halo. E scendono tra gli umani troppo presto rinunciando a quella tensione bellissima dovuta al “fattore attesa” (di solito tu vedi la navicella per tre quarti del film e solo in finale ti fanno vedere l”alieno in faccia). E poi c”è una nave che si spezza a metà che, secondo me, se la rivediamo tra due anni ci sembrerà presa da uno di quei thriller con gli effetti speciali di serie B che danno in estate su Canale 5. Ecco, su queste cose potrei essere anche più esigente (gli alieni e alcuni effetti speciali). Su tutto il resto assolutamente no: i produttori di Transformers” hanno provato a lanciare una nuova saga cinematografica con un altro giocattolo della Hasbro.

In sala si divertivano come bambini.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >