TV e Cinema
di Diego Cajelli 22 Aprile 2016

Captain America: Civil War non è un film, ma un infinito video aziendale di 147 minuti

Quelli che stiamo guardando non sono personaggi, sono delle property aziendali

Un milione di anni fa, quando ero gggiovine, conobbi una certa Teresa V. Era una ragazza appassionata di cinema, fiera di sentirsi una vera intellettuale. La natura le aveva regalato un sontuoso paio di tette in aperta sfida alle leggi di gravità, che lei portava a spasso con un’eroticissima inconsapevolezza. Io, per avere una chance di pastrugnare l’abbondanza che Teresa V. custodiva sotto la camicetta, la seguii al cineforum sorbendomi tutti i dieci film del Decalogo di Krzysztof Kieślowski.

Il mio unico risultato fu di annegare in un oceano di noia titanica, mentre Teresa V. concesse le sue grazie a un tizio che sembrava il sosia di Paolo Zaccagnini in Ecce Bombo di Moretti. (Per vendetta gli bucai tutte e quattro le gomme della Renault 4, perché sono comunque un tamarro di periferia).

 

Captain-America-Civil-War-Iron-Man-vs-Steve-Rogers

 

Dopo aver visto Captain America: Civil War mi è successa una cosa strana. Mi è tornata in mente Teresa V. e mi sono accorto che non mi stavo cullando nel ricordo idealizzato delle sue inarrivabili tettone. No. Pensavo a Kieślowski. C’è qualcosa che non va se, dopo aver visto 147 minuti di botte tra super eroi, avverto la necessità di riguardare il Decalogo di Kieślowski.

Ovviamente, il “qualcosa che non va” è tutto in me, non certo nel film. Captain America: Civil War è un film perfetto sotto molti punti di vista, eppure, tutta questa perfezione, il suo rigore e la sua apparente semplicità nella messa in scena, mi hanno fatto sentire la mancanza di quelle scelte personali, magari sbagliate, che rendono vive, vivide e uniche le narrazioni cinematografiche.

 

captain_america_iron_man

 

In questo scontro corale tra super eroi non c’è una sola inquadratura fuori posto. Non c’è una sola scelta registica che non sia canonizzata e di fruizione istantanea. Non ci può essere dibattito sulle decisioni visive perché, anche se i registi sono due, non si dividono alcun rischio, non ci mettono nulla di personale, è una messa in scena più eseguita che diretta. Per dirigere, serve una direzione creativa verso la quale andare. Anche sbagliando, anche correndo il rischio di rompere le palle a qualcuno, come accadde a me con Kieślowski. Non ci sono guizzi, non c’è nulla di inaspettato. Non ci sono dita che vanno a toccare delle note inusuali durante un assolo tecnicamente perfetto.

In Captain America: Civil War, i due registi Anthony e Joe Russo si sono divisi i compiti, uno ha detto: “Sì!” e quell’altro ha detto: “Certo!” a tutte le richieste della produzione.

La mastodontica macchina produttiva Marvel/Disney ha delle necessità precise nei confronti delle sue proprietà intellettuali. Ormai è chiaro: quelli che stiamo guardando non sono personaggi, sono delle property. Quindi, tutti i personaggi/property devono essere in luce, messi a fuoco per bene, sempre e comunque riconoscibili. È imperativo che siano al centro della scena, stabilendo una par condicio tra ruoli, dove una property non può essere troppo stronza, sennò perde di appeal commerciale. Nella narrazione non c’è spazio per nessun altro. Non vengono trattati altri personaggi se non quelli legati al franchise. Gli unici volti riconoscibili sono i loro. In tutta la pellicola non c’è una comparsa, non un personaggio di sfondo che abbia il volto realmente visibile. Anche i personaggi-funzione, per fortuna dotati di faccia, servono unicamente per passare la palla ai protagonisti.

 

captain-america-civil-war-trailer-1-iron-man-war-machine

 

Siamo in una dimensione narrativo-visiva pericolosamente vicina al video aziendale. Un costosissimo Corporate Video con delle legittime istanze commerciali che vanno, per forza di cose, a discapito delle necessità creative. (Ho scritto creative e non artistiche apposta, le istanze artistiche le lasciamo ai madonnari e a quelli che fanno découpage)

Quelle esigenze io le capisco, anche perché, a conti fatti, stiamo parlano di property che muovono miliardi come i bulldozer muovono la ghiaia. Però, il lato più stronzetto del mio carattere, non può fare a meno di pensare a una visione simbolica di Captain America: Civil War, ed è un film in stop motion, con in scena dei pupazzetti fatti con rotolini di dollari.

 

captain-america-civil-war-pics-022

 

Ciononostante, nel favoloso mondo delle mie contraddizioni, ho adorato tutta la parte dedicata a Spider-Man. C’è un grandioso Arrampicamuri e una Zia May strepitosa. E sono, forse, gli unici momenti realmente cinematografici all’interno di tutta la pellicola. Lì c’è del guizzo, e quel tipo di scelte attoriali e narrative che rendono unica e memorabile la breve apparizione di Peter Parker.

Ed è proprio di Spidey che mi ricorderò un domani.

Come mi capita con le tettone di Teresa V.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >