Affinità e divergenze tra Il commissario Montalbano e Twin Peaks

O di come ho imparato ad amare un poliziesco della Rai andando oltre la superficie delle cose

 Pintrest

 

Il commissario Montalbano va in onda con un successo strepitoso dal 1999, eppure mai che una volta mi sia venuto in mente di guardarlo, attribuendogli colpevolmente l’etichetta di “troppo italiano” per dirlo come Stanis La Rochelle di Boris.

Per una strana congiunzione di lune che non vi sto a raccontare, nell’Anno del Signore 2018 ho deciso di disfarmi dei pregiudizi per gettarmi a capofitto nel nazionalpopolare, e all’ennesimo rewatch della terza stagione di Twin Peaks per tentare di capirci qualcosa, ho preferito guardare le repliche di Montalbano il lunedì sera su Raiuno.

Bene, non solo ne sono rimasto avvinto oltre ogni ragionevole dubbio ma ho anche ravvisato degli indubitabili punti in comune tra la serie tratta dai libri di Andrea Camilleri e quella scritta da David Lynch e Mark Frost, che adesso vado ad analizzare per voi.

 

Vigata e Twin Peaks

Entrambe le serie sono ambientate in una città immaginaria. Vigata corrisponde a Porto Empedocle, luogo dell’infanzia di Camilleri in provincia di Agrigento, mentre Twin Peaks nella realtà è Snouqualmie, nello stato di Washington, USA. Entrambe le cittadine sarebbero troppo piccole per contenere tale dose di efferatezze, ma come ci hanno insegnato Don Matteo a Gubbio e Jessica Fletcher a Cabot Cove, nessun posto è troppo piccolo per spargere il male. La natura incontaminata che fa da scenografia ai due luoghi, spesso è anche teatro degli orrori. Mare e montagna con un unico comune denominatore: l’omicidio.

 

I personaggi

Qui le cose si fanno davvero interessanti perché molti protagonisti de Il commissario Montalbano hanno il loro corrispettivo in Twin Peaks. Partiamo dai fondamentali:

 

Salvo Montalbano – Gordon Cole

I personaggi interpretati da Luca Zingaretti e David Lynch hanno apparentemente poco in comune, ma se andiamo a scavare nella loro psicologia troviamo due fini operatori della legge, amanti delle belle donne con una passione sfrenata per il cibo, che consumano a favore di camera godendo come dei bonobi in primavera. Entrambi riflessivi e risolutori, sono gli indiscutibili capi delle rispettive serie e sono i primi a cui chiedereste un autografo durante una visita sul set.

 

Giuseppe Fazio – Dale Cooper

Sono evidentemente la stessa persona, a riprova di ciò non si sono mai visti gli attori Peppino Mazzotta e Kyle MacLachlan insieme nello stesso luogo e nello stesso momento.

 

Agatino Catarella – Andy Brennan

La linea comica, gli agenti che stanno spesso in accettazione e riferiscono le chiamate a chi di dovere. Sia Angelo Russo che Harry Goaz sono caratteristi che interpretano personaggi svampiti dal cuore d’oro, che riescono a stemperare la tensione nei momenti di climax soffocante, tra l’ansia della stanza rossa e gli intrighi plumbei di mafia.

 

Livia – Diane

 listal

Sono evidentemente la stessa persona, a riprova di ciò non si sono mai viste le attrici Sonia Bergamasco e Laura Dern insieme nello stesso luogo e nello stesso momento.

 

Mimì Augello – Philip Jeffries

I personaggi interpretati da Cesare Bocci e David Bowie appaiono e scompaiono, colmi come sono di misteri. Entrambi aiutano il proprio capo alla risoluzione degli omicidi e sono eccezionalmente attraenti.

 

Pasquano – Albert Rosenfield

Sia Marcello Perracchio che Miguel Ferrer sono mancati nel 2017 e oltre al dolore per la perdita umana, hanno lasciato un vuoto incolmabile nelle rispettive serie. I personaggi da loro interpretati sono assai simili: entrambi sono addetti alle autopsie rivelatrici e hanno un carattere estremamente scontroso, nonostante siano delle brave persone. Ci mancheranno.

 

 I misteri

Anche ne Il commissario Montalbano i gufi non sono quello che sembrano e anche se la dimensione onirica e surreale latita, spesso ci troviamo di fronte a gialli in cui niente è ciò che appare, fino alla rivelazione finale. Come in Twin Peaks, anche ne Il commissario Montalbano non mancano ragazze stuprate e uccise proprio come Laura Palmer, sette sataniche simili a quelle degli abitanti della Loggia Nera, criminalità organizzata come quella che spaccia cocaina al confine tra USA e Canada, erotismo, amore, tradimento e poco male se da una parte c’è l’impepata di cozze mentre dall’altra le ciambelle e la torta di ciliegie: il caffè mette d’accordo tutti.

 

 tvzap

 

[tutte le immagini © degli aventi diritto]

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >