Le critiche per la foto a seno scoperto di Emma Watson non hanno alcun senso

È deprimente che nel 2017 si pensi al femminismo come censura e privazione quando è esattamente il contrario

Emma Watson è un’attrice molto famosa, soprattutto per il ruolo di Hermione nella saga di Harry Potter e oggi per essere protagonista de La Bella e la Bestia. Da tempo sfrutta la sua notorietà per portare alla ribalta il problema dei diritti delle donne nel mondo, a questo proposito è Goodwill Ambassador per le Nazioni Unite.

Ha visitato il Bangladesh, il Malawi e lo Zambia durante alcuni viaggi umanitari ed è ambasciatrice di Camfed International, un movimento il cui obiettivo è quello di fornire educazione alle ragazze nell’Africa rurale.

 

Emma Watson in Malawi Un.org - Emma Watson in Malawi

 

Negli ultimi giorni si è scatenato un putiferio insensato in seguito alla pubblicazione di questa foto, che ritrae Emma Watson a seno parzialmente nudo, fotografata da Tim Walker per Vanity Fair USA.

 

Un post condiviso da Vanity Fair (@vanityfair) in data:

A fotocopia della polemichetta sanremese in cui Caterina Balivo sosteneva che Diletta Leotta non potesse parlare di violazione della privacy vestita in modo troppo provocante, anche stavolta è una donna a puntare il dito verso Emma Watson, per lo stesso identico motivo: pare che parlare di femminismo ed essere protagonista di scatti artistici che mostrano parti del corpo non sia proprio possibile per Julia Hartley-Brewer del Telegraph, che con questo tweet ha fatto partire una shitstorm nei confronti dell’attrice.

 

 

Fortunatamente Emma Watson è una donna intelligente e durante un’intervista per il lancio del film Disney che uscirà nelle sale nei prossimi giorni, ha così risposto alle accuse che le sono piovute addosso:

“Questo mi conferma quante idee sbagliate e incomprensioni sono alla base del femminismo. Femminismo significa dare alla donna la possibilità di scegliere. Il femminismo non è un bastone con cui bacchettare altre donne. Si tratta di libertà, si tratta di liberazione, si tratta di uguaglianza. Davvero non capisco cosa abbiano a che fare con questo le mie tette.”

 

 

Una risposta esemplare che mette a tacere ogni tipo di critica pretestuosa. Il film La Bella e la Bestia non è nuovo alle polemiche, anche dopo la rivelazione che uno dei suoi personaggi sarà dichiaratamente omosessuale, una vera novità per la Disney.

È davvero deprimente che nel 2017 molte persone tra cui tante donne, pensino che il femminismo sia una sorta di chiesa laica in cui le ragazze debbano vestirsi in modo austero e censurare la propria femminilità, quando invece è l’esatto contrario e tra i tanti diritti rivendicati dalle femministe, c’è anche quello più semplice e apparentemente meno scontato, cioè di essere loro stesse, senza alcuna imposizione o privazione.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >