Compie 20 anni Fuochi d’artificio, il vero capolavoro di Leonardo Pieraccioni

Una storia tutta buoni sentimenti che a distanza di 20 anni è il vero capolavoro della poetica pieraccioniana

 

Nel 1997, Leonardo Pieraccioni, reduce dal successo incredibile avuto l’anno prima con Il Ciclone, che ha incassato oltre 75 miliardi di Lire, ci riprova con un film solo apparentemente identico e lo chiama Fuochi d’artificio, sicuro omaggio a Hana Bi di Takeshi Kitano (oppure no?).

Pieraccioni è amante dei nomi desueti e dopo Levante, racconta in prima persona la storia di Ottone, un ragazzotto di paese, buono e un po’ sfigato che nei primi 3 minuti del film si scopre cornuto e cerca conforto da tutte le donne della sua vita: prima con Barbara, la sua amica di sempre che sta con un galeotto romano, Er Patata, poi con Luna (Vanessa Lorenzo), una giovane spagnola bionda che lo vuole come toy boy, poi ancora con Lorenza, (Claudia Gerini), la sua socia del negozio di animali, segretamente mangiauomini e infine con Demiù, interpretata da Mandala Tayde, una vicina di casa con cui è da sempre sul filo della friendzone.

 

 

Nel film, un personaggio da Golden Globe: Massimo Ceccherini che interpreta Germano, un lunatico biondo colto da un fulmine durante una festa in maschera, che si è salvato grazie agli scarponcini dell’Uomo Ragno che hanno scaricato l’elettricità a terra.

 

 

L’incontro tra Ottone sull’Ape Car e Germano sulla Vespa, mentre quest’ultimo intona in falsetto “Tu sei l’unica donna per me” di Alan Sorrenti già vale il prezzo del biglietto, ma il film non è solo un’insieme di battute oppure un modo per far limonare Pieraccioni con le spagnole.

 

 

Ha una costruzione in puro stile commedia americana, in cui gli avvenimenti narrati sono già avvenuti e Ottone li sta condividendo forzatamente con un reticente psicologo in un villaggio vacanze. Un gioco mentale sempre più intenso porta lo spettatore ormai avvinto dalla trama a capire con chi si sarà accompagnato Ottone, data la mole di donne che lo vorrebbero in sposo.

 

 

Il film dipende dalla musica. Qualche b-side dei pezzi latini avanzati da Il Ciclone e poi in fila Bella di Jovanotti quando siamo contenti e Giudizi Universali di Bersani quando siamo tristi. Una dicotomia elementare, ma sempre di successo.

Solo quando Ottone chiede a Demiù quale sia la canzone d’amore più canzone d’amore tra tutte le canzoni d’amore e lei gli dà una cassetta con Una canzone per te di Vasco Rossi, capiamo che la bella indiana rapirà il suo cuore fiorentino per la vita ed emettiamo sospiri rosa come le nonne quando Rossella O’Hara si baciava con Rhett in Via col Vento.

 

Avete presente quando vi dicono che la regola dell’amico non sbaglia mai? Non è così per Pieraccioni, che ci consegna una favola in cui l’uomo non sceglie la vamp né la teen tutta sesso, ma l’amica con la quale si trova a suo agio. Una sottotrama fantascientifica che rende questa pellicola unica nel suo genere.

Tra i vari cameo che impreziosiscono il diadema, Alessandro Haber attore teatrale coi capelli di He Man, un immenso Bud Spencer che interpreta un cantante cieco che canta Serenata Rap e George Hilton, star degli spaghetti western anni ’60 e dei thriller anni ’70. Menzione di merito per uno sconosciuto Claudio Santamaria che fa una particina nella crew di Er Patata.

 

 

Ogni terapista vi direbbe di non cercare mai di raggiungere la stessa vetta due volte, perché sarete esposti alla delusione. Leonardo invece se ne frega della psicologia e un anno dopo il suo più grande successo commerciale, torna a caccia di spagnole, cambiando però il finale in virtù di una maturazione personale che c’infonde un sacco di fiducia nell’essere umano e nelle sue capacità di attrazione, anche perché Pieraccioni coi capelli mezzo lunghi, nella vita vera tre ragazze così ma nemmeno nei sogni proibiti.

 

 

Sul finale, il vero protagonista della vicenda, Ceccherini, s’innamora ricambiato della sorella di Er Patata (una strepitosa Milena Miconi) e le dice “Ti mostro come saremo da vecchi”, poi apre la finestra e c’è una coppia di anziani signori che si abbracciano.

Sono passati 20 anni e fa stare comunque meglio di La La Land.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >