I 5 momenti televisivi che non ti hanno fatto dormire da piccolo

Chi è cresciuto negli anni 80 ha avuto più di un problema a dormire la notte.

paura-anni-80

 

Il Pinocchio di Luigi Comencini

Il Pinocchio di Comencini è stato un classico strepitoso, non solo per la qualità della messa in scena e degli attori, della colonna sonora di Fiorenzo Carpi e delle illustrazioni macabre che la accompagnavano, ma anche e soprattuto per gli incubi che ha fatto fare ad almeno tre generazioni di bambini. Dal momento in cui il burattino di legno comincia ad animarsi, è tutto un susseguirsi di momenti horror mascherati da insegnamenti morali, di gotico naif all’italiana. Un esempio su tutti: l’impiccagione di Pinocchio:

fatabig

 

Bob di Twin Peaks

Il potere di David Lynch è tutto lì: in realtà c’è solo un uomo coi capelli lunghi e brizzolati ai piedi di un letto. Nessun mostro spaventoso. Eppure, la scena di quando la madre della neo defunta Laura Palmer “vede” per la prima volta Bob, il male incarnato in Twin Peaks (1990), è di quelle che non fanno dormire per i decenni a venire, che scatenano la paura dei letti, dei boschi, degli uomini coi capelli lunghi brizzolati, delle mamme isteriche, dei genitori in generale. Se poi ci aggiungete la stanza rossa, il nano che parla al contrario ed il vero assassino di Laura Palmer, diventa roba da non poter dormire nemmeno con la luce accesa. Nel 2016 dovrebbe tornare, con la terza stagione 25 anni dopo.

traces4

 

Pennywise il Clown di It

Tim Curry ci ha prima sedotto con Frank’n’Further nel Rocky Horror Picture Show, poi ci ha spaventato interpretando il Signore delle Tenebre in Legend e ci ha definitivamente terrorizzato a morte nella miniserie televisiva IT (1990) tratta dal libro di Stephen King. Pennywise il Clown fa leva sulle paure infantili e rende impossibile il sonno di chiunque lo abbia guardato in tv da piccolo. Oggi, la serie risulta datata e bruttina, ma niente, il clown assassino non molla un attimo. Stanno realizzando il remake cinematografico, ma non sarà affatto semplice battere Tim Curry.

Pennywise

 

Gmork ne La Storia Infinita

Nell’adattamento cinematografico al libro di Michael Ende datato 1984, ci sono un bel po’ di fattori inquietanti. Primo su tutti, il Nulla, che sta per distruggere il mondo di fantasia e che per la prima volta, da piccolo, ti fa provare il sentimento della disperazione. La scena in cui Artax, il cavallo di Atreyu viene inghiottito dalla Palude della Tristezza è talmente depressiva da far andare in cura anche il più ottimista dei ragazzini e quando il lupo Gmork esce dal buio per parlarti del Nulla, scatena una serie di pensieri talmente devastanti nella testolina di un bambino, che difficilmente lo porteranno ad addormentarsi negli anni successivi.

movies-the-neverending-story

 

Michael Jackson quando si trasforma in Thriller

Il video Thriller del re del pop Michael Jackson (1982) è fatto apposta per spaventare. Diretto dal maestro del terrore John Landis, è in realtà un mini film, un horror musical in cui MJ giovane e bello diventa prima uno zombie e poi un uomo lupo, che alla fine fa fare un salto sulla sedia a tutti quelli che lo guardavano solo per seguirne la brillante musica.

enhanced-13279-1430847549-10

 

BONUS: Sloth dei Goonies

Come bonus abbiamo scelto un eroe, anzi, il super eroe della nostra infanzia: Sloth dei Goonies. Diretto da Richard Donner e prodotto da Steven Spielberg nel 1985, è il più classico dei film di formazione e di avventura. Sloth è il ragazzone ritardato e deforme da cuore d’oro nella famiglia Fratelli, composta da ladri e assassini. Gli vogliamo tutti un gran bene e vorremmo adottarlo, però la scena in cui lo si vede per la prima volta, ci ha fatto un bel po’ di paura.

https://www.youtube.com/watch?v=tna8myZ8gjA

goonies10425

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >