TV e Cinema
di Eva Cabras 17 Settembre 2019

L’invasione dei preti fighi nelle serie tv

Perché in questi ultimi tempi ci sono un sacco di preti cattolici appetitosi nelle serie tv?

Ricordate quanto era bello il periodo in cui i genitori vi obbligavano ad andare in chiesa ed eravate pervasi di spirito divino perché il prete era Tyler Posey? No? Nemmeno io, purtroppo. Guardando Undone, la splendida serie animata di Amazon Prime Video, pare che le nuove diocesi peschino i preti direttamente dai sogni proibiti scatentati da troppi rewatch de La lettera scarlatta, ma Posey in rotoscope è solo l’ultimo di una lunga sfilza di prelati appetitosi. Cosa succede?

Nel 2016, escono The Young Pope con Sua Santità Jude Law nella sacra veste pontificia di Lenny Belardo (futuro Pio XIII) e Preacher, dove Dominic Cooper diventa il messia blasfemo Jesse Custer. Belardo e Custer sono entrambi protagonisti delle rispettive storie, sono bellissimi e hanno una quantità spaventosa di potere. Sono anche tenebrosi, maledetti, perché incarnano il classico superuomo che in realtà tutto il potere che ha mica lo voleva, quindi sono soli, a piangere sulle proprie infinite possibilità, schiacciati dal peso dell’aspettativa, dal fardello del destino e tutte le altre cose cattive che affliggono l’uomo bianco, etero, al vertice della catena di comando. Momento che asciugo le lacrime.

 YouTube

Giudicando fin qui, si direbbe che quella del prete figo è una variante leggermente spiritualizzata del tradizionale cliché dell’uomo inaccessibile, non emotivamente disponibile, “sposato con Dio” invece che “sposato con il lavoro”, come il più tipico dei detective da crime story. L’essere prete è una barriera come un’altra, un ostacolo per la vita sentimentale dell’eroe ma non una minaccia verso il suo ruolo di dominio.

Il trend diventa tale dopo il 2017, l’anno di #metoo, e decolla, guarda caso, in show ideati o co-ideati da donne. In tempi non sospetti, nel 2015, Crazy Ex-Girlfriend (sottovalutatissimo pozzo di saggezza di Rachel Bloom) ci regalava Padre Brah, giovane prete filippino che dispensa consigli ad amici e amici di amici, a metà tra il terapista, il confidente e il tipo che ti vende l’erba. Nel 2018 Derry Girls mette in campo Padre Peter, figura assai simile al già citato padre Miguel di Undone. Entrambi giovani, belli, personaggi assolutamente secondari e a ben vedere anche perfettamente inutili. Il loro compito sarebbe quello di riportare la fede nelle vita delle protagoniste con cui vengono in contatto, ma falliscono ogni volta, per mancanza di argomenti o convinzione.

 joe.ie

Infine, c’è Fleabag con il capolavoro che è la sua seconda stagione. Andrew Scott è Il Prete, senza nome come il personaggio di Phoebe Waller-Bridge, creatrice della serie. Tra i due scatta un’alchimia istantanea e fortissima, un tira e molla di tentazione per entrambe le parti che riassume perfettamente l’essenza del prete figo come figura ricorrente: il lavoro di decostruzione fatto sull’archetipo del prelato non è più legato alla mascolinità inaccessibile ed è migrato verso la ridefinizione delle dinamiche di potere. Ciò che si va a rielaborare è il ruolo tradizionale del prete, colui che assolve, detta le regole per la salvezza dell’anima, funge quindi da compasso morale e simbolo di autorevolezza, oltretutto in un contesto apertamente misogino.

I preti che vediamo oggi in tv sono giovani e spesso inesperti, sono persi e confusi, privi delle certezze granitiche che dovrebbe avere una guida spirituale. Sono uomini che hanno perso la presa sul loro scettro del privilegio e ora si guardano intorno straniti perché tutt’a un tratto nessuno li tratta più con riverenza e ammirazione incondizionata. In più, questi preti sono insolitamente bellocci e finiscono quindi per essere feticizzati per il loro aspetto, messi lì come comparse superflue gradevoli alla vista e poco più, magari anche presi meno sul serio perché fisicamente attraenti. Suona alcun campanello?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >