TV e Cinema
di Eva Cabras 17 Settembre 2019

L’invasione dei preti fighi nelle serie tv

Perché in questi ultimi tempi ci sono un sacco di preti cattolici appetitosi nelle serie tv?

Ricordate quanto era bello il periodo in cui i genitori vi obbligavano ad andare in chiesa ed eravate pervasi di spirito divino perché il prete era Tyler Posey? No? Nemmeno io, purtroppo. Guardando Undone, la splendida serie animata di Amazon Prime Video, pare che le nuove diocesi peschino i preti direttamente dai sogni proibiti scatentati da troppi rewatch de La lettera scarlatta, ma Posey in rotoscope è solo l’ultimo di una lunga sfilza di prelati appetitosi. Cosa succede?

Nel 2016, escono The Young Pope con Sua Santità Jude Law nella sacra veste pontificia di Lenny Belardo (futuro Pio XIII) e Preacher, dove Dominic Cooper diventa il messia blasfemo Jesse Custer. Belardo e Custer sono entrambi protagonisti delle rispettive storie, sono bellissimi e hanno una quantità spaventosa di potere. Sono anche tenebrosi, maledetti, perché incarnano il classico superuomo che in realtà tutto il potere che ha mica lo voleva, quindi sono soli, a piangere sulle proprie infinite possibilità, schiacciati dal peso dell’aspettativa, dal fardello del destino e tutte le altre cose cattive che affliggono l’uomo bianco, etero, al vertice della catena di comando. Momento che asciugo le lacrime.

 YouTube

Giudicando fin qui, si direbbe che quella del prete figo è una variante leggermente spiritualizzata del tradizionale cliché dell’uomo inaccessibile, non emotivamente disponibile, “sposato con Dio” invece che “sposato con il lavoro”, come il più tipico dei detective da crime story. L’essere prete è una barriera come un’altra, un ostacolo per la vita sentimentale dell’eroe ma non una minaccia verso il suo ruolo di dominio.

Il trend diventa tale dopo il 2017, l’anno di #metoo, e decolla, guarda caso, in show ideati o co-ideati da donne. In tempi non sospetti, nel 2015, Crazy Ex-Girlfriend (sottovalutatissimo pozzo di saggezza di Rachel Bloom) ci regalava Padre Brah, giovane prete filippino che dispensa consigli ad amici e amici di amici, a metà tra il terapista, il confidente e il tipo che ti vende l’erba. Nel 2018 Derry Girls mette in campo Padre Peter, figura assai simile al già citato padre Miguel di Undone. Entrambi giovani, belli, personaggi assolutamente secondari e a ben vedere anche perfettamente inutili. Il loro compito sarebbe quello di riportare la fede nelle vita delle protagoniste con cui vengono in contatto, ma falliscono ogni volta, per mancanza di argomenti o convinzione.

 joe.ie

Infine, c’è Fleabag con il capolavoro che è la sua seconda stagione. Andrew Scott è Il Prete, senza nome come il personaggio di Phoebe Waller-Bridge, creatrice della serie. Tra i due scatta un’alchimia istantanea e fortissima, un tira e molla di tentazione per entrambe le parti che riassume perfettamente l’essenza del prete figo come figura ricorrente: il lavoro di decostruzione fatto sull’archetipo del prelato non è più legato alla mascolinità inaccessibile ed è migrato verso la ridefinizione delle dinamiche di potere. Ciò che si va a rielaborare è il ruolo tradizionale del prete, colui che assolve, detta le regole per la salvezza dell’anima, funge quindi da compasso morale e simbolo di autorevolezza, oltretutto in un contesto apertamente misogino.

I preti che vediamo oggi in tv sono giovani e spesso inesperti, sono persi e confusi, privi delle certezze granitiche che dovrebbe avere una guida spirituale. Sono uomini che hanno perso la presa sul loro scettro del privilegio e ora si guardano intorno straniti perché tutt’a un tratto nessuno li tratta più con riverenza e ammirazione incondizionata. In più, questi preti sono insolitamente bellocci e finiscono quindi per essere feticizzati per il loro aspetto, messi lì come comparse superflue gradevoli alla vista e poco più, magari anche presi meno sul serio perché fisicamente attraenti. Suona alcun campanello?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >