Luca – Il volto ligure della Pixar

Col suo primo lungometraggio Enrico Casarosa dà vita ad una storia di grande amicizia ambientata nella riviera ligure. Una grande fiaba dello straniero che parla di inclusione, sullo sfondo del Mediterraneo.

Prima di parlare del nuovo film della Pixar è doveroso fare un appello: chiunque abbia mai detto “Santo Pecorino” nella sua vita si palesi senza indugiare, siamo pronti a stringergli la mano. Ovviamente può andar bene anche “Santa Mozzarella”, l’importante è che rientri nell’assurdità genuina che sta alla base della rappresentazione dell’Italia – e più precisamente della Liguria – che viene fatta nel lungometraggio d’esordio di Enrico Casarosa, animatore genovese, già al lavoro da molti anni con la casa di produzione americana.

Luca Paguro è un mostro marino poco più che bambino, che vive con la famiglia in un fondale marino del Mediterraneo, in un lembo di mare che bagna il paese di Portorosso. Durante le giornate porta al pascolo dei piccoli pesci ottusi e simpatici, che ricordano vagamente gli uccellini di Pennuti Spennati. I suoi genitori lo lasciano libero di vagare tutto il giorno, con l’unica raccomandazione di non avvicinarsi mai alla superficie. Pare esserci un mistero dietro a queste parole, e infatti il piccolo, nel tentativo di uscire fuori dall’acqua, viene trascinato sulla riva da un suo coetaneo, Alberto Scorfano. A contatto con l’aria i due mostri marini cominciano velocemente a perdere le squame e a diventare esseri umani. Le sembianze da mostro ritornano immediatamente col bagnato.

Alberto e Luca fanno velocemente amicizia, passando le giornate sull’isola dove il primo accumula oggetti, dentro una torretta diroccata. La sua passione consiste nella costruzione di prototipi di Vespa, come quella che campeggia su un poster che tiene appeso sul muro del suo nascondiglio. Ma non appena i genitori di Luca scoprono delle sue fughe fuori dall’acqua decidono di punirlo, mandandolo negli abissi insieme allo zio Ugo – doppiato da un formidabile Sasha Baron Cohen -,  un pesce lanterna parecchio allucinato e con problemi di cuore.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Questa minaccia è la scintilla che fa scattare la fuga. I due mostri marini decidono di lasciarsi alle spalle l’isola e il mare noto, per andare a Portorosso, trovare una vera Vespa, e cominciare a girare il mondo. Giunti in paese, e compiuta la metamorfosi, fanno la conoscenza di Ercole Visconti – gradasso sempre a bordo di un modello rosso fuoco della tanto agognata motocicletta – e di Giulia Marcovaldo. Entrambi sono intenti a punzecchiarsi ripetutamente, poiché si è vicini allo svolgimento della Portorosso Cup, una gara di triathlon – nuoto, trenette al pesto e ciclismo – che si svolge annualmente per i vicoli, portando con sé un grande fomento, e la garanzia di prestigio. Alberto e Luca capiscono di dover partecipare per vincere denaro e riuscire a comprarsi una Vespa. Dopo aver seguito Giulia su per una strada assillandola di domande, decidono di formare insieme a lei la squadra per gareggiare. Alla ragazza spetta la parte di nuoto – per ovviare al problema dello spuntare delle sembianze mostruose dei due -, ad Alberto il piatto di pasta e a Luca il ciclismo, in salita e poi in discesa. A questo punto la storia d’amicizia si allarga, i fuggiaschi vengono accolti a casa dei Marcovaldo, dove Giulia vive col padre Massimo, pescatore. Attraverso la nuova vita da umano Luca scopre nuove passioni e desideri, tra cui quello di andare a Genova a scuola. Per questo il rapporto con Alberto inizia a incrinarsi fino a raggiungere l’orlo dell’irreparabilità, fin quando tutto si risolve, prima del gran finale della gara.

Luca è un film realizzato con enorme attenzione e cura. Potrebbe sembrare un paradosso, vista la rappresentazione enormemente caricata dei personaggi italiani. Ma sta proprio qui il punto. L’aver affidato la regia a un regista italiano come Casarosa ha fatto sì che i cliché siano presenti in maniera così esagerata e irreale da non infastidire minimamente. A parte qualche indugio nel ripetere troppe volte i nomi – quasi a voler far star certo lo spettatore della loro italianità – e un paio di “mamma mia”, gli anni ’60 italiani sono rapprsentati attraverso una serie di espressioni allucinanti – si vedano le santificazioni dei formaggi di cui sopra -, piatti di pasta che non sono i soliti stereotipati maccheroni al sugo, e altri dettagli stravaganti e puntuali come il gatto chiamato Machiavelli, Piazza Calvino, o il calcio giocato in piazza dai bambini. La cura per il dettaglio va a parare anche sul versante sonoro, perché l’abbozzata collocazione temporale avviene attraverso canzoni di Gianni Morandi , Rita Pavone e Mina, ma anche del Quartetto Cetra, che con Un Bacio a Mezzanotte apre le danze del film.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Al centro del film però, oltre alla cornice d’ambientazione, sta una storia fatta di relazioni umane che crescono diventando fortemente realistiche. La Pixar riesce a mantenere gli elementi fantastici che l’hanno contraddistinta nel tempo, ma sotto le squame di Luca e Alberto ci sono due preadolescenti che si conoscono gradualmente, si attaccano con un’impeto d’amicizia che è quasi un amore. Soprattutto si ritrovano nella situazione degli stranieri di turno. L’angoscia che tende ad assillarli durante gran parte della loro permanenza a Portorosso si va riducendo durante il rafforzarsi dell’amicizia con Giulia e del patto di fiducia instaurato con suo padre Massimo. In questo modo il senso di appartenenza ad una nuova comunità viene vissuto con gioia, nonostante l’amaro rovescio della medaglia: nessuno sa cosa succede loro una volta in acqua. Luca  evita saggiamente di voler fare la morale a qualcuno perché procede con semplici constatazioni, che non hanno bisogno di spiegazione. La caccia ai mostri marini è priva di senso e crudele, e non si discute. I bambini che vedranno il film non avranno certo dubbi nel constatare che integrare due esseri con la pelle verde e azzurra nella propria società sia la cosa più elementare di questo mondo, almeno sul piano delle intenzioni. Non vedranno alcun indottrinamento all’orizzonte notando che quello che lega i due protagonisti sarà in futuro più forte di un’amicizia. I bambini che vedranno Luca si troveranno davanti a un prodotto d’animazione inclusivo e mai teorico, sempre teso verso forti emozioni e soprattutto perfettamente costruito.

A partire dalla bellezza grafica della realizzazione delle immagini, fino a tutti i piccoli escamotage comici, il film è una macchina perfetta in cui ci si può perdere con facilità, cercando con attenzione i dettagli della cultura italiana che vengono filtrati da Casarosa con fare folkloristico. Eppure i binari della narrazione rimangono dritti – forse a tratti troppo schematici – e portano dove ci si aspettava. Nel tragitto ci si ferma costantemente, con una grande  e continua voglia di stupirsi, come nella tradizione del grande cinema d’autore. Spiace per quelli che “il politicamente corretto rovina l’espressione artistica” e balle varie. Quando l’opera d’arte smette di volersi astrarre dai codici culturali che nel suo tempo sono percepiti come urgenti, e prova ad iniziare ad abbracciare una gamma di persone sempre più ampia, pur avendo enormi strade da percorrere ha sicuramente preso un giusto sentiero.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >