TV e Cinema
di Eva Cabras 30 Marzo 2020

L’uomo invisibile: non ti vedo ma ti meno

A Blumhouse piace molto giocare con i trailer, riempiendoli di informazioni al punto da accarezzare non troppo alla lontana lo spoiler. Non ha fatto eccezione il trailer di L‘uomo Invisibile, un tour di 2 minuti e mezzo nel titolo che possiamo già mettere in lista tra i migliori film dell’anno. La generosità di anticipazioni in questo caso ha un ruolo particolarmente potente, perché ci mette in condizione di sapere cose che la protagonista ancora non sa, fin dal primo istante. Il meccanismo non è di certo nuovo, ma se lo accostiamo a una storia di stalking e manipolazione così concentrata sulla percezione sensoriale l’effetto ansia è garantito.

L’uomo invisibile di Leigh Whannell fa parte del processo di restyling al quale Universal vuole sottoporre i suoi mostri classici, e per farlo si è affidata alle abili mani di Blumhouse, che sul rielaborare la tradizione ha fondato un impero. Nel reboot della storia, Cecilia è una donna che scappa da una relazione violenta, per poi ritrovarsi vedova e con la brutta sensazione che il marito abbia scoperto il modo per continuare a tormentarla senza che lei se ne accorga, quanto meno a prima vista. Con tutte le informazioni che già abbiamo immagazzinato dal trailer, al momento di iniziare il film sappiamo già della relazione abusiva, sappiamo che è Adrian, il marito, a tormentare la protagonista e sappiamo perfettamente che la situazione, per quanto bizzarra, è assolutamente reale. Molto più di quanto sappia Cecilia, che invece viene a fasi alterne psicanalizzata, guardata male o internata.

 

Basato sul romanzo di H. G. Wells, il nuovo L’uomo invisibile si allontana dall’approccio utilizzato dai predecessori togliendo innanzitutto al protagonista il ruolo da protagonista. L’uomo invisibile rimane centrale solo nel titolo, perché nel film in realtà lo vediamo proprio pochissimo, un po’ perché è invisibile, un po’ perché il suo più grande potere è quello di farci pensare che ci sia anche se non c’è. Un Satana al contrario. Poiché sappiamo fin dal principio dell’invisibilità di Adrian, ci troviamo subito in una situazione di paranoia perenne, e ci scopriamo a controllare ogni inquadratura alla ricerca di un indizio che confermi la presenza del villain: una nuvola di vapore, un’impronta, un oggetto che si muove. Una cosa snervante!

E proprio sull’esaurimento psicologico ed emotivo gioca quel maledetto invisibile di Adrian, che scomparendo è ancora in grado di comportarsi esattamente come prima. Isola Cecilia da tutti i suoi contatti sociali e familiari, ne controlla ogni movimento, la tortura psicologicamente fino a renderla pazza agli occhi di chiunque, senza dimenticare l’abuso fisico, che però nel film rimane elegantemente ai margini, evocato solo raramente dai ricordi di Cecilia. Sia chiaro, il L’uomo invisibile ci sono anche degli ottimi momenti action dove ci si mena alla grande, ma il tormento più insidioso e spaventoso è quello che Cecilia subisce nell’autostima e nella capacità di immaginare una vita di libertà, nella quale può smettere di guardarsi alle spalle o negli angoli bui.

© Universal  © Universal

Costruito su una suspense continua e su una splendida interpretazione di Elisabeth Moss, L’uomo invisibile convince come thriller teso e come metafora, che rielabora anche alcuni grandi cliché del genere dandogli nuova vita. Prendiamo il classico disinteresse o scetticismo che la protagonista incassa ogni volta che prova a raccontare la storia dell’invisibilità. Succede in ogni horror, che si tratti di fantasmi, assassini, viaggi nel tempo o zombie, nessuno ci crede e chiamano subito per il tso. Ma nel caso di Cecilia abbiamo un ulteriore strato simbolico. Da donna intrappolata in una relazione violenta ma apparentemente idilliaca (ed economicamente vantaggiosa), Cecilia è probabilmente abituata a non essere ascoltata e creduta anche parlando di abusi domestici. Quel “ascoltatemi!” che grida in continuazione è quindi ancor più straziante per a doppio taglio, l’eco di una battaglia per la sopravvivenza che è iniziata ben prima dell’invisibilità.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >