© Universal
TV e Cinema
di Eva Cabras 30 Marzo 2020

L’uomo invisibile: non ti vedo ma ti meno

A Blumhouse piace molto giocare con i trailer, riempiendoli di informazioni al punto da accarezzare non troppo alla lontana lo spoiler. Non ha fatto eccezione il trailer di L‘uomo Invisibile, un tour di 2 minuti e mezzo nel titolo che possiamo già mettere in lista tra i migliori film dell’anno. La generosità di anticipazioni in questo caso ha un ruolo particolarmente potente, perché ci mette in condizione di sapere cose che la protagonista ancora non sa, fin dal primo istante. Il meccanismo non è di certo nuovo, ma se lo accostiamo a una storia di stalking e manipolazione così concentrata sulla percezione sensoriale l’effetto ansia è garantito.

L’uomo invisibile di Leigh Whannell fa parte del processo di restyling al quale Universal vuole sottoporre i suoi mostri classici, e per farlo si è affidata alle abili mani di Blumhouse, che sul rielaborare la tradizione ha fondato un impero. Nel reboot della storia, Cecilia è una donna che scappa da una relazione violenta, per poi ritrovarsi vedova e con la brutta sensazione che il marito abbia scoperto il modo per continuare a tormentarla senza che lei se ne accorga, quanto meno a prima vista. Con tutte le informazioni che già abbiamo immagazzinato dal trailer, al momento di iniziare il film sappiamo già della relazione abusiva, sappiamo che è Adrian, il marito, a tormentare la protagonista e sappiamo perfettamente che la situazione, per quanto bizzarra, è assolutamente reale. Molto più di quanto sappia Cecilia, che invece viene a fasi alterne psicanalizzata, guardata male o internata.

 

Basato sul romanzo di H. G. Wells, il nuovo L’uomo invisibile si allontana dall’approccio utilizzato dai predecessori togliendo innanzitutto al protagonista il ruolo da protagonista. L’uomo invisibile rimane centrale solo nel titolo, perché nel film in realtà lo vediamo proprio pochissimo, un po’ perché è invisibile, un po’ perché il suo più grande potere è quello di farci pensare che ci sia anche se non c’è. Un Satana al contrario. Poiché sappiamo fin dal principio dell’invisibilità di Adrian, ci troviamo subito in una situazione di paranoia perenne, e ci scopriamo a controllare ogni inquadratura alla ricerca di un indizio che confermi la presenza del villain: una nuvola di vapore, un’impronta, un oggetto che si muove. Una cosa snervante!

E proprio sull’esaurimento psicologico ed emotivo gioca quel maledetto invisibile di Adrian, che scomparendo è ancora in grado di comportarsi esattamente come prima. Isola Cecilia da tutti i suoi contatti sociali e familiari, ne controlla ogni movimento, la tortura psicologicamente fino a renderla pazza agli occhi di chiunque, senza dimenticare l’abuso fisico, che però nel film rimane elegantemente ai margini, evocato solo raramente dai ricordi di Cecilia. Sia chiaro, il L’uomo invisibile ci sono anche degli ottimi momenti action dove ci si mena alla grande, ma il tormento più insidioso e spaventoso è quello che Cecilia subisce nell’autostima e nella capacità di immaginare una vita di libertà, nella quale può smettere di guardarsi alle spalle o negli angoli bui.

© Universal  © Universal

Costruito su una suspense continua e su una splendida interpretazione di Elisabeth Moss, L’uomo invisibile convince come thriller teso e come metafora, che rielabora anche alcuni grandi cliché del genere dandogli nuova vita. Prendiamo il classico disinteresse o scetticismo che la protagonista incassa ogni volta che prova a raccontare la storia dell’invisibilità. Succede in ogni horror, che si tratti di fantasmi, assassini, viaggi nel tempo o zombie, nessuno ci crede e chiamano subito per il tso. Ma nel caso di Cecilia abbiamo un ulteriore strato simbolico. Da donna intrappolata in una relazione violenta ma apparentemente idilliaca (ed economicamente vantaggiosa), Cecilia è probabilmente abituata a non essere ascoltata e creduta anche parlando di abusi domestici. Quel “ascoltatemi!” che grida in continuazione è quindi ancor più straziante per a doppio taglio, l’eco di una battaglia per la sopravvivenza che è iniziata ben prima dell’invisibilità.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >