Marx può aspettare – Riunione di famiglia in casa Bellocchio

Marco Bellocchio riunisce i suoi parenti per intessere un ricordo pacato e sincero del fratello Camillo, morto suicida nel 1968

Il primo film giunto a noi da Cannes 74 non arriva dal concorso ufficiale, ma dalla sezione collaterale Première, e soprattutto da un regista che in questa edizione del festival ha ricevuto il premio alla carriera. Marco Bellocchio è un gigante del nostro cinema, e del cinema mondiale, ricordarlo è superfluo. Arrivato a non so quale fase della sua carriera, ha fatto qualcosa di totalmente inaspettato. Qualcosa di pericoloso certo, e sincero nella sua spaventosa crudezza. Marco Bellocchio è andato a fondo in un suo trauma, forse il più recondito e massiccio. Il suicidio del fratello Camillo, avvenuto il 27 dicembre del 1968.

Marx può aspettare comincia con la ripresa di un pranzo di famiglia. Ci sonno i fratelli Bellocchio, Letizia, Piergiorgio, Maria Luisa, Alberto – e Marco – con i rispettivi coniugi e figli. Tutti riuniti per una seduta di quello che potrebbe sembrare un torturante ricordo. In tutta la durata del film si alternano davanti alla cinepresa coloro che allora c’erano, per ricostruire il ricostruibile sulla tragedia che li colpì più di cinquant’anni fa. La domanda dunque sorge spontanea: che cosa può esserci di interessante in cento minuti filati in cui un gruppo di ottantenni rimugina sul proprio passato? L’interesse davanti a tutto questo scaturisce non soltanto grazie alla mano di Bellocchio. Abituato negli anni a imprimere con estrema forza l’impronta sulle proprie opere, facendo sentire la propria autorialità invadente, il regista piacentino ha avuto il solo grande merito di pensare a questo progetto. Per il resto ci hanno pensato gli “intervistati”, interpellati quasi con distacco, come se il loro interlocutore non fosse un parente. Tornati su una ferita che in qualche modo hanno avuto il tempo di ricucire, oggi hanno trovato uno spazio interiore per l’analisi.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Non c’è nessuna risposta che riesce a trapelare da tutto questo parlare. Letizia ancora crede che si sia trattato di un incidente, troppo legata al ricordo dell'”angelo” suo fratello per accettare la sua impiccagione, mentre Maria Luisa rimane ancorata al proprio sorriso-smorfia, tirando fuori un sassolino alla volta, ricordi minuscoli. L’unica sentenza che viene pronunciata, in modo diverso da diversi di loro, con parole o allusioni, è  quella che riguarda l’aridità emotiva che attanagliava la famiglia, da sempre. Causa l’assenza di un padre e l’ossessione religiosa della madre. Troppo concentrati a salvare il mondo Marco e Piergiorgio non capivano il dolore che avevano dentro casa. Non capivano che la rivoluzione e Marx potevano aspettare.

Nei primi due terzi questa aridità non sembra essersene però andata. Forse è solamente una questione di volti. Ognuno dei fratelli Bellocchio sembra essere ritagliato fuori da una maschera, parla a suon di espressioni facciali che saremmo normalmente abituati a vedere sul volto di un attore caricaturale, ma che fanno invece parte del loro comunicare quotidiano. Inizialmente fanno storcere il naso le espressioni di Alberto, fino a quando non ci rendiamo conto che quelle he vediamo sono le sue normali posture facciali. La confusione riguarda la lucida freddezza che trapela da ognuno di loro. La tensione dei racconti è prima di tutto rivolta al sé. Dov’ero quando Camillo si è ammazzato? Cosa ho fatto non appena l’ho visto? Cosa ho fatto per aiutare a tirarlo giù al soffitto?  Solo nel finale escono allo scoperto alcuni sensi di colpa, ancora una volta senza la minima nota melodrammatica. Ed è qui che scatta qualcosa che da strano diventa estremamente commovente.

La famiglia Bellocchio ha continuato a vivere con linearità la propria vita, e soprattutto a ricordarsi dei propri fatti in quel modo, apparentemente crudele per quanto nitido. Non si nasconde dietro strani perbenismi, dal momento che tutti sono convinti e consapevoli che ad acuire la depressione di Camillo era stata una implicita competizione coi fratelli, tutti troppo intelligenti e bravi in quello che facevano. Tutti conoscevano questa verità, non proprio bella da raccontare. Ma in fin dei conti quale potrebbe essere un modo più corretto di ricordare una persona che non si ha avuto la capacità di capire ed ascoltare? Questo linguaggio cinematografico, assolutamente non assolutorio, travagliato interiormente, ma che non romanza per gli altri, perché di spettacolarizzazioni del dolore personale ne siamo colmi.

Marco Bellocchio in un frame del film tratto dall’autore  Marco Bellocchio in un frame del film tratto dall’autore

Marx può aspettare trasuda di stranezza non solo dentro al cinema di Bellocchio, ma in tutto il cinema che passa sui nostri schermi. Una stranezza pulita data dalla fotografia da spot pubblicitario d’alta classe, un meccanismo per chiarire subito che non c’è intrattenimento per nessuno. Forse nessuno avrebbe fatto un film del genere, pensando al poco interesse per l’argomento, banalmente per i fatti propri. E invece la preziosità di questa ora e mezza abbondante si spiega da sola, durante il suo svolgimento, e rimarrebbe tale anche senza i riferimenti a I Pugni in Tasca o L’ora di religione; anche senza le parole del prete che da anni fa da confessore a un regista ateo a sua insaputa, attraverso le sue rappresentazioni della fede. Se Marx poteva aspettare, così non poteva fare il lucido dolore di una famiglia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >