L’uomo che sogna di volare, una riflessione su Hayao Miyazaki

Miyazaki è sempre stato affascinato dagli aerei da guerra, una passione che sembra cozzare con la sua poetica pacifista. Scopriamo perché non è così

 

Non è certo un segreto che Hayao Miyazaki ami volare, ma non è quello il punto, perché da sempre l’essere umano ha subito la fascinazione per il volo, fin dalla mitologia greca.

La parabola di Icaro che, imprigionato nel labirinto di Dedalo, tentò di scappare con le ali di cera e piume ma volò troppo vicino al Sole che fece sciogliere le sue ali, è una di quelle storie che s’imparano a scuola elementare.

Hayao Miyazaki, il maestro dell’animazione giapponese non è di certo immune da questa passione, tanto che in ogni suo film ci sono aerei, creature volanti e altri velivoli di fantasia su cui sfrecciano i suoi protagonisti.

 

Nausicaä della Valle del vento  Nausicaä della Valle del vento

 

Nel video che vedete qui sopra, firmato Plot Point Production, potete vedere un montaggio di molte delle scene di volo nei film di Miyazaki, dagli alianti a motore di Nausicaä della Valle del vento (1984)  a Si alza il vento (2013), il suo lungometraggio più recente, la storia dell’ingegnere aeronautico Jirō Horikoshi, che inventò gli aerei impiegati dai kamikaze giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale. Non solo: pensate al Castello nel cielo dell’omonimo film (1986) o alla scopa volante della streghetta adolescente Kiki (1989).

 

Kiki consegne a domicilio  Kiki consegne a domicilio

 

Nel mezzo, gli aeroplani italiani della  Regia Aeronautica durante la Prima Guerra Mondiale, guidati da Marco Pagot, diventato Porco Rosso a causa di un sortilegio (1992), ma anche Satsuki e Mei portate in volo da Totoro, il custode della foresta nel suo film più iconico (1988).

 

Il mio vicino Totoro  Il mio vicino Totoro

 

Da cosa derivi una tanto sbandierata passione è presto detto: il padre di Miyazaki era coproprietario di una fabbrica che produceva parti di aerei e fin da piccolo, Hayao ha interiorizzato il volo come una sorta di liberazione dall’oppressione della gravità. È un profondo conoscitore dei piloti italiani del passato, come Francesco Baracca, Arturo Ferrarin e Adriano Visconti, ma anche di Giovanni Battista Caproni, l’ingegnere aeronautico e pioniere della nostra aviazione, che diventa un personaggio onirico nel suo film più recente.

 

Porco Rosso  Porco Rosso

 

Nel 2002 è uscito un cortometraggio giapponese intitolato 空想の機械達の中の破壊の発明 (L’invenzione della distruzione nelle macchine della fantasia) scritto e diretto da Hideaki Anno, che viene proiettato tutti i giorni nel Museo Ghibli. Esso è tutto incentrato sulle meraviglie del volo ed è doppiato dallo stesso Hayao Miazaki, che nel documentario video Il regno dei sogni e della follia (2013) parla della propria contraddizione interiore, tra la fascinazione nei confronti degli aerei militari ammirati durante la guerra e il disagio provocato da questo amore viscerale per invenzioni che sulla carta sarebbero prodigi di tecnica e fantasia, ma che si possono trasformare in macchine portatrici di morte.

 

Si alza il vento  Si alza il vento

 

Una riflessione, quella di Miyazaki, sul dualismo delle passioni umane. La sua poetica infatti è fortemente pacifista, ambientalista e femminista. Fin dagli anni sessanta ha preso parte alle lotte sindacali all’interno della Toei Animation della quale faceva parte e ha sempre manifestato una visione politica socialista, criticando spesso il capitalismo e la globalizzazione, anche nei suoi cartoni animati. Si pensi alla battaglia di Conan, il ragazzo del futuro contro la tecnocrazia di Indastria (1978).

 

Conan, il ragazzo del futuro  Conan, il ragazzo del futuro

 

Ecco spiegata la fascinazione di Hayao Miyazaki per gli aerei da guerra, nonostante sia un guilty pleasure, un sogno maledetto che cozza contro la sua visione della vita, dev’essere inteso nella speranza che le invenzioni aeronautiche si smarchino dall’industria della guerra e possano essere contemplate in futuro come opere d’arte e di libertà.

Leggi anche: L’aliante di Nausicaä è stato costruito davvero, Calcata, il paese delle case nella roccia che ha ispirato Hayao Miyazaki, La classifica dei film di Hayao Miyazaki, Miyazaki tornerà a dirigere un film dello Studio Ghibli.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >