L’uomo che sogna di volare, una riflessione su Hayao Miyazaki

Miyazaki è sempre stato affascinato dagli aerei da guerra, una passione che sembra cozzare con la sua poetica pacifista. Scopriamo perché non è così

 

Non è certo un segreto che Hayao Miyazaki ami volare, ma non è quello il punto, perché da sempre l’essere umano ha subito la fascinazione per il volo, fin dalla mitologia greca.

La parabola di Icaro che, imprigionato nel labirinto di Dedalo, tentò di scappare con le ali di cera e piume ma volò troppo vicino al Sole che fece sciogliere le sue ali, è una di quelle storie che s’imparano a scuola elementare.

Hayao Miyazaki, il maestro dell’animazione giapponese non è di certo immune da questa passione, tanto che in ogni suo film ci sono aerei, creature volanti e altri velivoli di fantasia su cui sfrecciano i suoi protagonisti.

 

Nausicaä della Valle del vento  Nausicaä della Valle del vento

 

Nel video che vedete qui sopra, firmato Plot Point Production, potete vedere un montaggio di molte delle scene di volo nei film di Miyazaki, dagli alianti a motore di Nausicaä della Valle del vento (1984)  a Si alza il vento (2013), il suo lungometraggio più recente, la storia dell’ingegnere aeronautico Jirō Horikoshi, che inventò gli aerei impiegati dai kamikaze giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale. Non solo: pensate al Castello nel cielo dell’omonimo film (1986) o alla scopa volante della streghetta adolescente Kiki (1989).

 

Kiki consegne a domicilio  Kiki consegne a domicilio

 

Nel mezzo, gli aeroplani italiani della  Regia Aeronautica durante la Prima Guerra Mondiale, guidati da Marco Pagot, diventato Porco Rosso a causa di un sortilegio (1992), ma anche Satsuki e Mei portate in volo da Totoro, il custode della foresta nel suo film più iconico (1988).

 

Il mio vicino Totoro  Il mio vicino Totoro

 

Da cosa derivi una tanto sbandierata passione è presto detto: il padre di Miyazaki era coproprietario di una fabbrica che produceva parti di aerei e fin da piccolo, Hayao ha interiorizzato il volo come una sorta di liberazione dall’oppressione della gravità. È un profondo conoscitore dei piloti italiani del passato, come Francesco Baracca, Arturo Ferrarin e Adriano Visconti, ma anche di Giovanni Battista Caproni, l’ingegnere aeronautico e pioniere della nostra aviazione, che diventa un personaggio onirico nel suo film più recente.

 

Porco Rosso  Porco Rosso

 

Nel 2002 è uscito un cortometraggio giapponese intitolato 空想の機械達の中の破壊の発明 (L’invenzione della distruzione nelle macchine della fantasia) scritto e diretto da Hideaki Anno, che viene proiettato tutti i giorni nel Museo Ghibli. Esso è tutto incentrato sulle meraviglie del volo ed è doppiato dallo stesso Hayao Miazaki, che nel documentario video Il regno dei sogni e della follia (2013) parla della propria contraddizione interiore, tra la fascinazione nei confronti degli aerei militari ammirati durante la guerra e il disagio provocato da questo amore viscerale per invenzioni che sulla carta sarebbero prodigi di tecnica e fantasia, ma che si possono trasformare in macchine portatrici di morte.

 

Si alza il vento  Si alza il vento

 

Una riflessione, quella di Miyazaki, sul dualismo delle passioni umane. La sua poetica infatti è fortemente pacifista, ambientalista e femminista. Fin dagli anni sessanta ha preso parte alle lotte sindacali all’interno della Toei Animation della quale faceva parte e ha sempre manifestato una visione politica socialista, criticando spesso il capitalismo e la globalizzazione, anche nei suoi cartoni animati. Si pensi alla battaglia di Conan, il ragazzo del futuro contro la tecnocrazia di Indastria (1978).

 

Conan, il ragazzo del futuro  Conan, il ragazzo del futuro

 

Ecco spiegata la fascinazione di Hayao Miyazaki per gli aerei da guerra, nonostante sia un guilty pleasure, un sogno maledetto che cozza contro la sua visione della vita, dev’essere inteso nella speranza che le invenzioni aeronautiche si smarchino dall’industria della guerra e possano essere contemplate in futuro come opere d’arte e di libertà.

Leggi anche: L’aliante di Nausicaä è stato costruito davvero, Calcata, il paese delle case nella roccia che ha ispirato Hayao Miyazaki, La classifica dei film di Hayao Miyazaki, Miyazaki tornerà a dirigere un film dello Studio Ghibli.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >