Ho provato su Netflix i film interattivi in cui puoi scegliere il finale e mi si è aperto un mondo

I filmati a scelta multipla potrebbero diventare il futuro dell’intrattenimento televisivo. Ho immaginato tutte le possibilità

 

Quando ho letto la notizia che Netflix avrebbe iniziato a mettere in catalogo dei film con la trama a scelta multipla, in cui decidi tu il finale, sono rimasto un po’ sconcertato. Sapete, il discorso sulla libertà dell’autore che sarebbe venuta meno e altri pensieri tanto alti quanto vani. Poi ieri ho provato il primo dei filmati interattivi, un cartone animato intitolato Il gatto con gli stivali – Intrappolato in una storia epica e ho iniziato a sognare fortissimo.

Il filmato in se stesso è abbastanza regolare: il gatto, stavolta purtroppo non doppiato da Banderas, si trova intrappolato nel mondo delle altre fiabe e incontra un sacco di personaggi strani, dai tre orsi al dio muscoloso e aggressivo, fino a una Biancaneve possessiva e molto sgradevole. Ogni volta che si trova di fronte a un bivio, che può essere tipo “Vuoi che gli orsi siano amici o nemici del Gatto con gli Stivali?”, si apre una schermata in cui ci sono due scenari selezionabili tramite il telecomando o il touchscreen, che porteranno a due storie diverse, che a loro volta si dirameranno in altre storie, che culmineranno in finali diversi. Se poi non ti piace il finale che hai scelto, puoi iniziare da capo e fare altre scelte.

Mi sono divertito come un bambino e già non pensavo più alla sacralità dell’autore, piuttosto alle mille applicazioni possibili, se questo genere d’intrattenimento prendesse piede anche nei prodotti per adulti o comunque in live action.

La mia mente è volata subito sui giorni spensierati e brufolosi della mia adolescenza nerd, passata tra videogiochi, gite spericolate al fiume per combattere IT e Librogame, quella collana di libri in cui da solo potevi vivere l’esperienza di un gioco di ruolo e cambiare l’avventura che stavi leggendo, grazie alle scelte multiple.

Pensate a film tipo La storia infinita o Jumanji, in cui potremmo prenderci carico di ogni dilemma del protagonista, scegliendo noi per lui, con tutto ciò che ne consegue, inclusa gloria eterna o morte atroce.

 

 

Ho sognato una serie tv basata proprio sui Librogame, in cui ripercorrere le avventure di Lupo Solitario contro i Drakkar e scegliere la strategia della battaglia, oppure una sulla saga de La torre nera di Stephen King, per guidare la mano del pistolero Roland e deviare il Ka.

 

 

Certo, questa nuova interattività non potrebbe certo adattarsi a tutto. Non ci sarà mai una versione di Shining in cui decidi se Danny Torrance alla fine prenda quello o quell’altro sentiero, per giungere a due finali in cui il padre Jack muore assiderato nel tentativo di trovarlo oppure lo raggiunge subito e lo fa a pezzi con l’ascia. nel caso di film d’autore, meglio lasciar perdere l’opzione scelta libera del pubblico, a meno che un regista non si accolli di girare un film di 1 ora e mezza che in realtà ne dura 4 o 5, con vari finali tutti da scoprire, però certi generi si presterebbero proprio bene.

 

 

Commedia romantica: Adam Sandler bacia o no Drew Barrymore? Sì, e prende una sberla, No e si suicida vinto dalla disperazione e
dall’inettitudine.

 

 

Horror: la cheerleader bionda insieme al quarterback del college fanno bene ad amoreggiare nella tenda vicino al Lago Maledetto? Sì, e vengono squartati dal machete dello zombie, No e tornano a casa sani e salvi, per poi vivere una vita tranquilla ma complessivamente noiosa fino alla terza età.

 

 

Favola: Vuoi che la Regina Cattiva e Miserabile sia immediatamente soppressa da un cacciatore per errore? Sì e il popolo insorge, applicando un po’ di socialismo reale à la Robespierre nel villaggio, No ed è la storia trita e ritrita di Biancaneve.

 

 

Se ci pensate bene, le applicazioni di questa nuova possibilità interattiva sono davvero milioni, comprese quelle dei film porno (Vuoi che la ragazza seminuda denunci l’idraulico maniaco per atti osceni e vuoi seguire tutto il processo che lo vedrà meschino e imputato?).

 

 

Purtroppo, per ora sono solo disponibili due filmati, quello del gatto e l’altro di Buddy Thunderstruck che arriverà su Netflix il 14 luglio. Entrambi progettati per bambini, niente per adulti all’orizzonte, ma noi vogliamo crederci. Power to the people sul divano!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >