TV e Cinema
di smilingda 1 Marzo 2012

Tarantino e i film che lo hanno ispirato

Quentin Tarantino, come tutti i grandi artisti, può piacere o meno in quanto a stile, linguaggio, temi e resa scenica ma nessuno potrebbe negare che ha talento.

Quando vidi “Pulp Fiction”per la prima volta ero ragazzina e il film mi scioccò. Ricordo che non mi piacque, forse perchè come un pò tutti i suoi film, compreso “Kill Bill” che ho amato, va guardato con un occhio maturo. Non tanto e non solo per trovare una categorizzazione e un posizionamento alle immagini brutali, allo spargimento di sangue e alla profusione di sentimenti ambivalenti, ma sopratutto perchè per capire l’arte e le sue sfumature bisogna aver vissuto e aver amato e aver sofferto.

Il primo lungometraggio di Tarantino, che ebbe notevole successo e che ancora oggi è considerato un capolavoro, è “Le Iene”. Il film, solo per i dialoghi e i personaggi, meriterebbe un trattato cinematografico – ma lo citavo solo per ricordare il 1992, anno in cui il film uscì.

In un’intervista di qualche anno fa, il regista categorizzò quelli che per lui erano stati i migliori venti film proprio a partire dal 1992, e nella lista ci sono una serie di film tutt’altro che commerciali e sicuramente particolari che hanno influenzato il suo percorso e la sua produzione.

Per curiosità ne ho visti alcuni e mi sono documentata su altri. Vi segnalo solo sette dei venti titoli, quelli che più mi hanno colpito, che sono anche molto diversi tra loro e che secondo me spiegano gusti e scelte del grande regista.

Al primo posto inserirei quello che Tarantino considera un capolavoro, nettamente al di sopra degli altri che cita in seguito, un film, che dice, avrebbe voluto aver diretto lui stesso. Il film è “Battle Royale” di Kinji Fukasaku e tratta di una scolaresca di quarantadue studenti giapponesi catturata dal governo e costretta ad intraprendere una lotta in cui solo uno di loro sopravviverà. La frase celebre è: “Life is a game, so fight for survival and find out if you’re worth it” e cioè: “La vita è un gioco, quindi lotta per sopravvivere e scopri se vali la sopravvivenza”. A questo film, che definirei un horror, ne associo un altro che Tarantino cita: “Audition” di Miike Takashi, altro horror parecchio crudele, dove il male fatto su una bambina si ripercuote in un destino malvagio che lei deciderà di fare agli uomini che incontra. Davvero malefico, crudo e solo per stomaci forti.

Nel genere commedia che fa riflettere inserirei “Anything else” di Woody Allen. Un film fresco, divertente, ironico ambientato a New York dove questo giovane alter ego di Woody si innamora perdutamente di Amanda, una donna alternativa, bugiarda e sensuale. Famosa è la frase di le che lo tiene sempre in bilico: “Ti ho tradito ma solo a scopo terapeutico. In fondo l’ho fatto per te: volevo vedere se sono ancora capace di avere orgasmi multipli”.

Allo stesso genere possiamo in qualche modo associare “Boogie nights” di Paul Thomas Anderson che racconta dell’inconto tra un regista pornografico e un ragazzo dotato che verrà lanciato nel mondo del cinema della droga e del successo. Divertente ma amaro.

Alla sezione thriller un pò surreale citerei “Dogville” di Lars Von Trier che definirei teatrale. Il film prende il nome dal paese del protagonista del film – che fa anche da scenario alla corruzione del potere – e si rivelerà un luogo oscuro, specchio della notte dell’anima dei personaggi. Con redenzione finale.

Altro scenario della corruzione viene descritto in maniera divina e particolareggiata in “The insider” di Michael Mann, storia vera di una guerra condotta da due uomini contro una delle più grandi multinazionali del tabacco. Famosa la frase: “That’s fame. Fame has a fifteen minute half-life, infamy lasts a little longer”, ovvero: “Questo è il successo. Che ha una durata di 15 minuti in una vita, mente l’infamia dura un pò più a lungo.”

Una citazione a parte, per quanto mi riguarda, merita il film “Lost in translation” di Sofia Coppola. E’ un film davvero per tutti sulla solitudine, l’amore, lo straniamento, l’amicizia, le scelte. La frase che più amo dice: “The more you know who you are, and what you want, the less you let things upset you” e cioè:” Più conosci chi sei e cosa vuoi, meno dai la possibilità a ciò che ti circonda di infastidirti”.

Lezione di vita. Da imparare e tenere a mente.

P.S. Per celebrare l’arte di Tarantino, a voi la mitica scena iniziale tratta dal film “Le iene”…

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >