Torna il Drive In nelle piazze d’Italia, per raschiare a fondo il barile degli anni ’80

Torna il Drive In nelle piazze d’Italia, per una reunion di cui non sentivamo proprio il bisogno

Il comunicato stampa si apre con una citazione di quelle che ti fanno un po’ gelare il sangue: “Drive In è l’unico programma per cui vale la pena di avere la tv” – firmato Federico Fellini. Magari il regista romagnolo intendeva porre l’accento sull’atmosfera circense, corale e finto gioiosa che si respirava nello show di Antonio Ricci andato in onda dal 1983 al 1988 eche ha fatto, nel bene e nel male, la storia del costume in Italia.

Adesso, alcuni dei protagonisti dello spettacolo di Italia 1, tornano nei teatri e nelle piazze del nostro paese nel 2017 con un Drive In Reunion Tour, per 25 date  dal 3 giugno al 31 dicembre.

 

 

Alla conduzione dello spettacolo ci sarà ancora una volta il mattatore Gianfranco D’Angelo, che introdurrà monologhi vecchi e nuovi di Enrico Beruschi, Sergio Vastano, Carlo Pistarino e Nino Formicola (Gaspare, del due Gaspare e Zuzzurro). Insieme a loro, Margherita Fumero e Tinì Cansino, la maggiorata che negli anni d’oro dello spettacolo ha fatto perdere la vista a milioni d’italiani.

Un’operazione revival con una scaletta musicale tutta anni ’80, intervallata dagli stacchetti e dalle musiche originali del Drive In. Di certo farà la felicità di quelli che soffrono di retromania fulminante e che seguono tutti gli show della loro giovinezza, da Non è la Rai a Sarabanda, fino al Karaoke di Fiorello. Com’è facilmente intuibile, l’operazione potrebbe anche risultare di rara tristezza, vista la mancanza di molte star del cast originale: Ezio Greggio, Francesco Salvi, Enzo Braschi, i Trettrè, Massimo Boldi, Teo Teocoli, oltre a Giorgio Faletti e Andrea Brambilla (Zuzzurro), purtroppo scomparsi qualche anno fa.

 

 wikipedia

 

La natura stessa del programma, con i comici, le ragazze seminude e le risate esagerate del pubblico, potrebbe scontrarsi in pieno con il pubblico di 30 anni dopo, che ha una consapevolezza totalmente diversa rispetto agli 80s. Su questo però avrebbe da dissentire proprio Antonio Ricci, il creatore del Drive In e di Striscia la Notizia, che in qualche intervista ha affermato  “Le donne seminude sono una moda iniziata negli anni 1970, specie sulle TV Rai, per non dire delle copertine di Panorama ed Espresso. Le ragazze fast food erano un’ironia di tutto questo, e facevano anche battute di satira politica, anzi le donne comiche da noi non mancavano mai. E le risate erano volutamente distorte ed esagerate, per sottolineare che in realtà non c’era niente da ridere […] Siamo stati additati come ispiratori degli anni 1980, mentre noi ne eravamo lo specchio, la critica feroce, tra satira politica, presa in giro della Milano da bere […] Siamo stati una trasmissione profetica: ora abbiamo le prove documentate”.

 

 tvzap

Un punto di vista di certo opinabile su una trasmissione che di fatto ha dato il la al berlusconismo e ha marciato sull’edonismo imperante in quel decennio, che oggi viene santificato da parte del pubblico. e che potrà essere vissuto di nuovo nelle piazze d’Italia, 30 anni dopo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >