true lies film schwarzenegger

True Lies: due o tre cose su un piccolo capolavoro anni ’90

Quando Schwarzy iniziava a farci anche sorridere e alla domanda “Hai mai ucciso qualcuno?” rispondeva “Sì, ma erano tutti cattivi…”

 

Nella prima metà degli anni ’90 Arnold Schwarzenegger è stato il protagonista di due piccoli capolavori del cinema d’azione, due perle che stanno invecchiando benissimo: prima, nel 1993, di Last Action Hero, divertentissimo gioco di specchi cinematografico dentro e fuori lo schermo, e poi, nel 1994 di True Lies.

Stasera su Nove alle 21.15 danno proprio True Lies, e vale la pena riguardarselo: perché 23 anni dopo l’uscita al cinema della pellicola, c’è ancora molto di divertente e riuscito in quel film, terza e ultima fatica della premiata ditta James Cameron / Arnold Schwarzenegger, insieme anche nei primi due indimenticabili capitoli della saga di Terminator.

True Lies arrivava al cinema ben prima degli Oscar di Titanic o di Avatar per Cameron, o della discesa in campo di Schwarzy e l’elezione a governatore della California: erano altri anni, chiamiamola epoca Hard Rock Café, chiamiamola Guns’n’Roses-istocene questa epoca, in cui le superstar hollywoodiane degli anni ottanta – Schwarzenegger, Stallone, Bruce Willis, e molte altre – capitalizzavano i successi di un altro cinema e di un’altra Hollywood.

Ma soprattutto, erano ormai ben più che quarantenni.

Non erano più regazzini pieni de complessi e de paure, potevano permettersi oltre che battute memorabili – “I’ll be back” – e serissime stragi con fucili a pompa, anche qualcosa di sconosciuto alle loro sceneggiature fino a qualche anno prima: l’ironia.

 

true lies film schwarzenegger

 

Ci hanno provato sia Schwarzenegger che Stallone, che Willis, con risultati alterni e fallimenti epocali – chi si ricorda di Hudson Hawk? – ma i migliori risultati sono stati senza dubbio quelli di Schwarzy, e True Lies forse ne è l’esempio migliore, pari merito con Last Action Hero.

Ma perché è ancora divertente True Lies?

Trama? Harry Tasker conduce una doppia vita, per la famiglia è un noiosissimo rappresentante di prodotti informatici, in realtà è un agente segreto cazzutissimo. Durante una sua missione in Svizzera “succedono cose” e in un crescendo di cattivi scemi a quel punto è pian piano costretto a svelare la sua vera identità alla famiglia. Fine.

 

true lies film schwarzenegger

 

Bene: la moglie di Harry è interpretata da Jamie Lee Curtis. Loro figlia è interpretata da Eliza Dushku, quattordicenne, ben prima che ammazzasse vampiri in Buffy.

Considerate che c’è anche Tom Arnold, e Tom Arnold per me è uno che dovrebbe fare tutto.

I cattivoni mediorientali del film fanno parte di un’organizzazione chiamata Crimson Jihad, e il capo dei cattivi muore, agganciato e lanciato da un missile aria-aria di un jet a decollo verticale, e il cattivo vola, vola, vola, agganciato al razzo, fino a colpire e abbattere un elicottero di cattivi. Applausi e popcorn!

Il tutto con questi dialoghi.

[Siamo in una specie di stanza delle torture: Harry Tasker è stato preso dai cattivi che lo vogliono far parlare]

Samir: Per caso desideri dirmi qualcosa prima di incominciare?
Harry: Sì: molto presto ti ucciderò.
Samir: Capisco. Come, esattamente?
Harry: Prima ti userò come scudo umano. Poi ucciderò quella guardia lì con il 3/4 di Patterson che hai sul tavolo. E dopo stavo pensando di spezzarti anche il collo.
Samir: E cosa ti fa pensare che tu riesca a fare tutto questo?
Harry: Sai le manette che porto?
Samir: Mmm-hmm…
Harry: Le ho forzate.

 

 

E i cattivi muoiono, muoiono malissimo, con punteruoli piantati in faccia, negli occhi, usati come scudi umani, con il collo spezzato come promesso, e tu vuoi solo stare lì, popcorn, e applaudire a ogni cattivo morto.

Molto bella la sottotrama del venditore di auto paraculo che ci prova con Jamie Lee Curtis, lì si ride parecchio.

 

 

Insomma, stasera guardatevelo che è invecchiato bene e True Lies per me resta un filmone.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >