Web
di Giulio Pons 21 Gennaio 2016

Big data e Social Network Analysis: ecco come Facebook e Google sanno tutto di noi

Come i nostri like si trasformano in informazioni cruciali, raccontato nel libro di Paolo Bottazzini “Anatomia del giudizio universale”

facebook-gun

 

Usiamo Internet tutti i giorni, col PC, il tablet e lo smartphone e molto spesso ogni nostra giornata è trasformabile in un flusso di informazioni: oggi mi sono collegato a Facebook, ho messo like e commentato, ho guardato pagine di profili e mandato una richiesta di amicizia che è stata accettata.

Poi ho usato Google per fare delle ricerche, una ricetta perchè mia figlia voleva fare i muffin, poi qualche nome di attore per dirimere una questione tra amici. Ho anche cercato informazioni su un posto dove vorrei andare in vacanza. Poi ho comprato su Amazon un libro, ho aperto Instagram e ho caricato una foto dei muffin, son venuti bene! Ho messo dei cuoricini, certo. Poi Youtube, Facebook di nuovo, l’immancabile email, Google, ancora email… Tutto ciò molto facilmente, come fare zapping con il telecomando.

Senza accorgermi ho lasciato una marea di informazioni: quelle che ho digitato nella ricerca, ma anche i click di preferenze che ho messo sui risultati di Google, i like, gli orari a cui mi sono collegato e da dove l’ho fatto, ho ampliato e consolidato la mia rete di contatti (i like dicono chi è più vicino a me).

Ogni giorno dell’anno, più volte al giorno ci colleghiamo alla rete e immettiamo dati, certo li preleviamo, ma senza saperlo li diamo.

Il libro di Paolo Bottazzini Anatomia del giudizio universale, presi nella rete racconta quali meccanismi sono realmente in gioco quando usiamo Facebook, Google e tutti gli altri servizi online.

 

paolo-bottazzini-anatomia-del-giudizio-universale Amazon - Anatomia del giudizio universale. Presi nella rete, di Paolo Bottazzini, pubblicato da Mimesis. Prezzo 22 euro.

 

Certo abbiamo accettato più o meno inconsciamente di essere tracciati, ma a che servono quei dati che parlano di noi? I dati di tutti intendo, di milioni di persone, non servono per spiare il singolo (o meglio possono essere usati anche per quello, ma non è questo il punto), servono prima di tutto per venderci qualcosa.

I dati, analizzati ed elaborati, servono per farci interagire di più, prevedendo quello che vogliamo cliccare.

Facebook cerca di proporci i contenuti che ci interessano di più, le persone con cui abbiamo maggiore probabilità di interagire e soprattutto i link sponsorizzati su cui potremmo più facilmente cliccare. Più click, più soldi per Facebook, che in realtà non ci ha venduto nulla direttamente, ma ci ha usato da tramite per vendere i nostri click a qualcuno.

Google non è da meno e lo fa in maniera ancora più massiccia, analizzando e unendo i dati del motore di ricerca con quelli di Gmail, Youtube, Google+, Google Maps, etc. con l’obiettivo di farci cliccare sui link degli sponsor (i risultati di ricerca sono diversi e personalizzati per tutti gli utenti, proprio come la bacheca di Facebook). BigG analizza miliardi di informazioni per farci fare dei click.

 

mark-zukerberg-social-network-analysis  Mark Zukerberg sa benissimo quello che sta facendo con i tuoi like.

 

 

Questi sono i big data, cioè enormi insiemi di informazioni da analizzare, non un campione (dove la probabilità mette in gioco la bontà dei risultati), ma sono quasi tutte le informazioni esistenti su un problema, per ridurre al minimo la possibilità di sbagliare. I big data possono essere usati anche per estrarre informazioni giuste per risultati per cui i dati non erano stati creati. Un esempio lampante è la capacità di Google di individuare i focolai di un nuovo ceppo di influenza correlando le informazioni geolocalizzate delle parole ricercate dagli utenti nel suo motore.

Google ha tutti i dati delle ricerche e sa da dove vengono tutte le richieste, se molti individui cercano “influenza”, “febbre”, “problemi respiratori” in un arco di tempo e spazio ristretto, lì c’è un focolaio dell’epidemia e Google lo può dire con certezza prima di qualunque analisi dell’OMS.

I big data non sono solo di Internet, per esempio analizzando tutti i dati di vendita dei Walmart si è scoperto che all’annuncio di un uragano si vendono un casino di Pop-Tarts, uno snack tipicamente americano a lunga conservazione. Nessuno si chiede perché, ma quando c’è un allarme uragano negli Stati Uniti i commessi di Walmart tirano fuori le scorte e mettono in evidenza le Pop-Tarts vicino alle casse, così massimizzano le vendite.

 

1427378407448  Lo strano rapporto tra gli uragani e le vendite di Pop-Tarts nei supermercati americani

 

Attraverso la storia dei Big data e della Social Network Analysis, il libro di Paolo Bottazzini racconta con esempi reali e con un notevole approfondimento cosa facciamo inconsciamente su Google, su Facebook, su Amazon e sugli altri giganti del web, dal punto di vista di chi governa gli algoritmi.

Descrive pagerank e le tattiche animalesche del motore di ricerca Google per profilarci e darci link precisi, e descrive l’algoritmo edgerank che c’è dietro a Facebook e alla sua pubblicità.

Tutto ciò non toglie nulla alla grandiosità e all’utilità di Internet nella vita di tutti i giorni, ma forse starò più attento ai miei movimenti online. Sicuramente ora sono più consapevole che quello che vedo nei social network e nei motori di ricerca non è per forza la realtà, ma molto spesso è una proiezione di noi e delle nostre amicizie finalizzata a strapparmi l’ennesimo click.

L’impressione che ne deriva è quella di essere a tanto così da Matrix, di essere imprigionati nella rete, in un meccanismo assurdo dove le scelte non vengono fatte perché c’è qualcuno che dice questo è meglio o è peggio, diciamo pure da un punto di vista morale. Scopriamo che Internet è un luogo in cui il meglio o il peggio è solo finalizzato alla vendita e viene svuotato del giudizio. Le scelte di cosa farci vedere, di cosa farci cliccare non sono dettate da un direttore responsabile, o da una linea editoriale di una redazione, non c’è un ideale a guidare le scelte e neanche un buon padre di famiglia che mi consiglia una cosa piuttosto che un’altra. C’è solo un calcolo preciso su milioni di dati, il cui scopo è darmi la cosa che dovrei cliccare, e poi alla fine clicco, perché non posso fare altro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >