Geek
di Mattia Nesto 11 Giugno 2018

Vampyr, il videogioco a metà tra Penny Dreadful e Peaky Blinders

Vampyr, il nuovo videogioco a tema vampirismo di DontNod Studio è davvero bello

 

Confessiamoci: dieci anni tutti quanti amavano alla follia i vampiri e tutto ciò che ruotava attorno a queste iconiche figure mitico/letterarie. Film, serie tv e libri non facevano altro che parlare di succhiasangue e/o affini e gli archivi delle Facoltà umanistiche letteralmente traboccavano di tesi e tesine su “l’importanza del vampiro nella letteratura occidentale da Bram Stoker a Twilight”. Poi, qualcosa è successo, e così come gli ardori giovanili, anche la passione per i vampiri si è spenta, sino quasi a sparire. Ma a rinverdire (e, soprattutto, a ridare piena dignità ai principi delle tenebre) ci pensa Vampyr, il nuovo gioco-bomba dello studio DontNod, quella fabbrica delle meraviglie  Fabriqué en France, già autrice dell’interessantissimo Life is Strange.

 

 

Vampyr èun vero e proprio apprendistato da vampiro: giocheremo infatti nei panni di Jonathan Reid, eminente chirurgo ed ematologo della Gran Bretagna che, di ritorno dalle trincee della Grande Guerra, si ritrova nella Londra del 1919 sconvolta e dall’epidemia dell’influenza spagnola e, soprattutto, da una serie di misteriosi omicidi in cui le vittime hanno il corpo interamente prosciugato del loro sangue. Già i vampiri, proprio loro. Ma il bello è che noi li “combatteremo”, o per meglio dire indagheremo su questi artigliati fatti, dal di dentro, come una specie di Serpico della Belle Epoque: già perché Jonathan, come le primissime sequenze di gioco confermano, si risveglierà in un fossa comune, da una morte solo apparente, nei rinnovati panni di un vampiro. Prepariamoci perciò, in questa nostra indagine, ad affilare, oltre che l’ingegno, anche i canini.

 

 

A livello di genere anche se leggerete in molte recensioni la parola action-rpg (o, addirittura, “soul’s like” ma ormai tutti i giochi sono paragonabili a Dark Souls, forse solo The Sims o Fifa si salvano) siamo molto più vicini ad un’avventura grafica à la Detroit: Become Human che a qualcosa di più d’azione. Già perché il titolo di DontNod dà il meglio di sé proprio nella trama e nello sviluppo di essa, che ci permetterà di andare nel profondo della vicenda, grazie ad una caterva di npc (si calcola che le strade di Londra sono popolate da quasi quaranta personaggi che ci parleranno e risponderanno alle nostre domande) ed ad un sistema di causa-effetto che ci costringerà a ponderare ogni nostra singola gestione.

 

 

Infatti è proprio la scelta la parola chiave di questo Vampyr: noi potremo, coscienziosamente o meno, determinare il corso del nostro destino, scegliendo se applicare scrupolosamente il giuramento di Ippocrate e quindi non fare vittime sul campo (se non quando necessario) e curare tutti, senza succhiare sangue così da rimanere saldamente umani. Questo ci consentirà non solo di instaurare, com’è ovvio che sia, rapporti più amichevoli con i cittadini londinesi, ma anche di avanzare nella trama senza strappi, apprendendo dettagli e segreti dei personaggi parlandoci. Tuttavia, questa nostra scelta, sarà rischiosa: il nostro personaggio sarà debole, non potrà utilizzare le incredibili potenzialità del vampiro (tipo gli artigli à la Nosferatu che potremo tirare fuori o l’evocazione di incredibili lame di sangue che dilanieranno i corpi dei nostri nemici) sino ad non avere possibilità di recuperare energia bevendo il sangue altrui (dovremo, necessariamente, dotarci di medicine, molto costose e quasi sempre difficili da ottenere e craftare).

 

 

Sia che saremo uno stimabile chirurgo dal cuore d’oro, sia un indagatore dell’incubo dai canini sviluppati, Vampyr ci trascinerà all’interno della brumosa Londra di fine secolo grazie alla sua perfetta atmosfera, con dialoghi e situazioni credibili, un buon ritmo (inizio lento e poi un’accelerazione progr

essiva) sino al twistone finale (con tanto di spiega titanica) che abbiamo gradito. Ma le dolenti note per il videogioco francese sono altresì evidenti: sicuramente il comparto grafico non a livello di un gioco da Tripla A (ma forse non era neppure questo l’obiettivo) e, soprattutto, il combat-system e le animazioni d’attacco sono dure e legnose, ricordando molto di più un titolo da 2008-2009 piuttosto che uno contemporaneo. Qualche piccola carenza si è anche registrata a livello di consequenzialità dei dialoghi dato che, per fare un esempio, se noi parleremo con un dato personaggio prima dell’ordine pensato dagli ideatori del gioco, quando avremo un nuovo dialogo ci ritroveremo a “riscoprire” cose che in realtà già sappiamo.

 

 

Però, a conti fatti, le cose belle superano di gran lunga quelle brutte, specialmente se si parte dal presupposto, così come dichiarato all’inizio, che questa è un’avventura grafica dove ce se mena un poco. E se vi piacciono le atmosfere decadenti di Penny Dreadful (senza Eva Green ahinoi) o la ruvida fighezza di Peaky Blinders (senza il taglio di capelli di Cillian Murphy) questo gioco fa per voi. Per quanto ci riguarda scusateci: ora dobbiamo indossare bombetta e mantellina e andare a fare strage di ghoul nell’East End.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >