forma acqua oscar
TV e Cinema
di Eva Cabras 5 Marzo 2018

Perché “La forma dell’acqua” merita di aver vinto l’Oscar come Miglior Film

Gli Oscar 2018 hanno premiato La forma dell’acqua di Guillermo del Toro con la statuetta per il Miglior Film della scorsa stagione, completando un percorso iniziato con la Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, passando per i Golden Globes e i Bafta Awards.

La favola noir sull’amore proibito tra la muta protagonista, Elisa, e il Dio acquatico imprigionato in una struttura governativa nell’America della Guerra Fredda, ha battuto grandissimi contendenti, come Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson, Steven Spielberg con The Post, Dunkirk di Christopher Nolan, Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh e Lady Bird di Greta Gerwig. Tra i nove titoli in concorso, La forma dell’acqua era indubbiamente il migliore? Forse no, ma era la scelta più azzeccata per il clima politico e culturale della 90° edizione degli Academy Awards.

 

 

La forma dell’acqua è indubbiamente un bellissimo film. Ben scritto, ben girato, ben recitato, commovente e coinvolgente. Dalla sua ha anche un mix di fattori determinanti che lo rendono il candidato che meglio riflette il mood degli Oscar 2018, perché che l’Academy tenga conto dell’attualità non è certo una sorpresa.

Nell’anno in cui Jimmy Kimmel ha aperto la cerimonia parlando di Harvey Weinstein, della disparità salariale tra uomini e donne a Hollywood e della necessità di vedere più donne alla regia, i film che hanno raccontato delle straordinarie e potenti protagoniste femminili avevano certamente un margine di vantaggio.

Guillermo del Toro ha centrato perfettamente un ritratto di donna dalle molteplici sfaccettature, immergendo la sua Elisa in una storia di amore eroico, di riscatto e di liberazione, il genere di parabola ascendente verso la felicità che scalda il cuore e ci trasmette un potentissimo messaggio di speranza. In fondo, gli States sono ancora nell’era Trump e accidenti se ce n’è bisogno.

 

 

A regalare ulteriori punti a La forma dell’acqua è la parola d’ordine degli Oscar 2018: diversità. Il 2017 ha portato a galla non soltanto lo sconcertante mondo sepolto delle molestie sessuali, ma anche una fortissima voglia di inclusione. Vale la pena ripetere, Trump è sempre lì. Guardando a nominati e vincitori, sembra che l’Academy sia effettivamente riuscita a mostrare uno spettro di colori decisamente ampio quest’anno.

Ancora sulla scia dell’immenso successo di Black Panther, Jordan Peele si porta a casa la statuetta per la Miglior Sceneggiatura originale, mentre quella per la non originale va al meraviglioso Chiamami col tuo nome, storia di amore senza confini di gender. Coco trionfa come Miglior film d’animazione e con la Miglior canzone celebrando il Messico e la sua cultura, mentre il Miglior film straniero è stato Una donna fantastica, che racconta la vita di una donna transgender nell’ostilità del Cile contemporaneo. Alla loro 90° edizione, gli Oscar hanno quindi fatto un passo considerevole verso la valorizzazione artistica dell’America Latina, che reclama a gran voce un maggiore spazio e maggiori possibilità di brillare.

 

 

Non è quindi casuale che Guillermo del Toro accetti il premio per Miglior film e per Miglior regia facendo riferimento alle proprie origini messicane, senza per questo sminuire la maestria, il talento e la fantasia di un autore che merita senza dubbio tutti i riconoscimenti che ha ottenuto.

Ultimo ma non meno importante, La forma dell’acqua è un film  che racconta l’amore tra una donna e un uomo-pesce. L’importanza di includere film di genere nelle scelte dell’Academy non verrà mai ribadita abbastanza, ecco perché la celebrazione dei successi di Scappa – Get Out e del film di Guillermo del Toro è tanto piacevole quanto necessaria.

In sintesi, del Toro ha raccontato l’incontro pacifico tra mondi diversi attraverso la metafora del mostro, con una memorabile eroina silenziosa, celebrando le proprie radici messicane e coronando una carriera fatta di passione e amore per il cinema. Magari non sarà il migliore, ma era proprio quello che ci voleva.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >