Frank Matano
TV e Cinema
di Eva Cabras 2 Febbraio 2018

“Sono tornato” porta Benito Mussolini nel 2017 ed è terrorizzante

Mentre uscivo dal cinema dopo aver visto Sono Tornato, il film di Luca Miniero con Massimo Popolizio, Frank Matano e Stefania Rocca sul ritorno di Benito Mussolini nel 2017 in Italia, alle mie spalle c’erano due ragazzi sui venticinque anni. Uno dei due fa: “Oh, ma guarda che quelli intervistati sono persone normali, mica attori” e l’altro risponde: “Incredibile, ci sono ancora”. Ho tirato un sospiro di sollievo, perché sono uscita dalla proiezione con il terrore nel cuore, il terrore di chi è cresciuto con calendari e bustini del Duce per casa neanche trent’anni fa. Ha detto bene il ragazzo, ci sono ancora, quelli che nelle interviste del regista Luca Miniero dicono che ai tempi si stava meglio, anche se ai tempi fisicamente non c’erano neanche.

Sono tornato è l’adattamento italiano di Lui è tornato, film tedesco del 2015 in cui si immaginava la Germania alle prese con la resurrezione di Adolf Hitler. Miniero lo trasforma nella resurrezione di Benito Mussolini, che piomba dal cielo e si intrufola nella società odierna facendosi passare per un comico satirico. Dopo lo shock iniziale del trovarsi in una Roma popolata da immigrati di prima e seconda generazione, coppie gay immuni dalla deportazione e tecnologia, Mussolini si guadagna il favore degli italiani a colpi di media, riportando a galla una spaventosa nostalgia della dittatura.

 

mussolini tornato

 

L’operazione messa in atto da Miniero funziona nonostante il film non sia perfetto al 100%. Qualche piccolo intoppo dovuto alla recitazione o al trattamento macchiettistico di alcuni personaggi non rende comunque Sono tornato meno necessario, perché, come dice Mussolini stesso con la voce e con l’interpretazione di Massimo Popolizio, “Il problema degli italiani è la memoria”. Sono tornato e il suo corrispettivo tedesco sono indispensabili nella loro dualità, sono un paio perfetto, da vedere uno dopo l’altro per rendersi conto che il fascismo non era così diverso dal nazismo, perché non c’è un assassino meno assassino di un altro.

 

Frank Matano

 

A rendere più inquietante l’incubo fanta-politico di Sono tornato è la sua spietata plausibilità, l’uso di discorsi di propaganda che non faticheremmo a sentire in tv anche oggi. Discorsi sulla patria, sulla purezza della razza, sull’indipendenza. Tutto piuttosto attuale. E se il Duce del 2017 viene stigmatizzato nel momento in cui passa dalla teoria all’azione, bastano dieci minuti di baggianate retoriche per far scomparire immediatamente il rancore e lo sdegno di poco prima. Di nuovo, problemi di memoria. Sono tornato dovrebbe spaventarci a morte, farci urlare di indignazione e vergogna, perché quando pensiamo che non sia possibile che vinca ancora quel tipo di follia, ci torna in mente che si diceva “impossibile”, “non succederà mai”, “dice solo cose assurde” anche di Donald Trump. E sappiamo tutti come è andata a finire.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >