Geek
di Mattia Nesto 14 Settembre 2021

Evangelion: 3.0+1.01 Thrice Upon Time

Il 13 agosto scorso è uscito su Amazon Prime Video l’ultimo film della tetralogia scritta da Hideaki Anno e prodotto dallo Studio Khara. Tutto quello che potevamo chiedere, nel bene come nel male.

Due ore e trentacinque minuti dopo l’inizio di 3.0+1.01 Thrice Upon Time, il quarto e ultimo film che compone la tetralogia dedicata al cosiddetto Rebuild di Neon Genesis Evangelion (qui il nostro approfondimento sulla serie originale) ho finalmente realizzato che era finito tutto, o quasi. Già perché parlare (ed essere appassionati di Eva) –non soltanto per i suoi plurimi significati ma anche e soprattutto per le mille rivisitazioni, letture e approfondimenti a essa dedicati- non vuol dire essere appassionati di una serie qualunque. Scoprire che un nuovo progetto di Hideaki Anno- nuovo, si fa per dire, perchè è stato iniziato, tra mille difficoltà, nel 2007 e solamente finito nel 2021- vedrà finalmente la luce mi ha scosso parecchio.

Parlare di questo film, al di là del mero dato cronologico, vuol dire parlare di una forma d’arte, quella del cinema d’animazione, che proprio con la serie originale di Evangelion non è stata più uguale a prima. Lo standard imposto dall’allora studio Gainax era lontano anni luce rispetto alle altre opere del periodo e questo ha comportato un vero e proprio terremoto in Giappone: da quel momento in poi non si poteva più tornare indietro. Fedele a questa filosofia, Hideaki Anno, ancora una volta, ha lanciato il cuore oltre l’ostacolo, regalandoci questo quarto film che è, a conti fatti, la sua opera più intima e personale.

Asuka in versione “piratesca”  Asuka in versione “piratesca”

Nonostante sia un lungometraggio anche molto prolisso per certi aspetti, e troppo stringato su certi altri, 3.0+1.01 Thrice Upon Time è un film che impressiona sia a livello tecnico (è dai tempi del secondo film che non si vede qualcosa di più bello per quanto concerne combattimenti e animazioni) che narrativo, per il modo in cui la vita privata del regista si mescola con la vicenda raccontata dai diversi protagonisti che, rispetto alla serie originali, paiono tutti avere un grado di consapevolezza maggiore. Tra Shinji, Asuka o Misato non c’è soltanto una lenta e progressiva immedesimazione da parte del regista ma anche e soprattutto da parte dello spettatore, che per questo motivo, andando avanti nella visione del film, si emoziona sempre di più. Anche i momenti meglio accolti dalla critica internazionale, ma che hanno lasciato maggiormente sbigottiti i fan di vecchia data, -mi sto riferendo, senza anticiparvi troppo, al “momento bucolico”- sono perfettamente coerenti con la vicenda narrata: una vicenda di crescita, perdita e accettazione di sé e degli altri.

Quegli occhi…  Quegli occhi…

Poi, ovviamente, ci sono anche i combattimenti, super coreografici e spettacolari  tra robottoni umanoidi e navi spaziali. Insomma, ad un mese dalla prima visione non mi sono ancora ripreso, e forse è giusto così. Altrimenti non sarebbe Evangelion, giusto?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >