Geek
di Mattia Nesto 14 Settembre 2021

Evangelion: 3.0+1.01 Thrice Upon Time

Il 13 agosto scorso è uscito su Amazon Prime Video l’ultimo film della tetralogia scritta da Hideaki Anno e prodotto dallo Studio Khara. Tutto quello che potevamo chiedere, nel bene come nel male.

Due ore e trentacinque minuti dopo l’inizio di 3.0+1.01 Thrice Upon Time, il quarto e ultimo film che compone la tetralogia dedicata al cosiddetto Rebuild di Neon Genesis Evangelion (qui il nostro approfondimento sulla serie originale) ho finalmente realizzato che era finito tutto, o quasi. Già perché parlare (ed essere appassionati di Eva) –non soltanto per i suoi plurimi significati ma anche e soprattutto per le mille rivisitazioni, letture e approfondimenti a essa dedicati- non vuol dire essere appassionati di una serie qualunque. Scoprire che un nuovo progetto di Hideaki Anno- nuovo, si fa per dire, perchè è stato iniziato, tra mille difficoltà, nel 2007 e solamente finito nel 2021- vedrà finalmente la luce mi ha scosso parecchio.

Parlare di questo film, al di là del mero dato cronologico, vuol dire parlare di una forma d’arte, quella del cinema d’animazione, che proprio con la serie originale di Evangelion non è stata più uguale a prima. Lo standard imposto dall’allora studio Gainax era lontano anni luce rispetto alle altre opere del periodo e questo ha comportato un vero e proprio terremoto in Giappone: da quel momento in poi non si poteva più tornare indietro. Fedele a questa filosofia, Hideaki Anno, ancora una volta, ha lanciato il cuore oltre l’ostacolo, regalandoci questo quarto film che è, a conti fatti, la sua opera più intima e personale.

Asuka in versione “piratesca”  Asuka in versione “piratesca”

Nonostante sia un lungometraggio anche molto prolisso per certi aspetti, e troppo stringato su certi altri, 3.0+1.01 Thrice Upon Time è un film che impressiona sia a livello tecnico (è dai tempi del secondo film che non si vede qualcosa di più bello per quanto concerne combattimenti e animazioni) che narrativo, per il modo in cui la vita privata del regista si mescola con la vicenda raccontata dai diversi protagonisti che, rispetto alla serie originali, paiono tutti avere un grado di consapevolezza maggiore. Tra Shinji, Asuka o Misato non c’è soltanto una lenta e progressiva immedesimazione da parte del regista ma anche e soprattutto da parte dello spettatore, che per questo motivo, andando avanti nella visione del film, si emoziona sempre di più. Anche i momenti meglio accolti dalla critica internazionale, ma che hanno lasciato maggiormente sbigottiti i fan di vecchia data, -mi sto riferendo, senza anticiparvi troppo, al “momento bucolico”- sono perfettamente coerenti con la vicenda narrata: una vicenda di crescita, perdita e accettazione di sé e degli altri.

Quegli occhi…  Quegli occhi…

Poi, ovviamente, ci sono anche i combattimenti, super coreografici e spettacolari  tra robottoni umanoidi e navi spaziali. Insomma, ad un mese dalla prima visione non mi sono ancora ripreso, e forse è giusto così. Altrimenti non sarebbe Evangelion, giusto?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >