TV e Cinema
di Mattia Nesto 19 Settembre 2019

C’era una volta a… Hollywood, il trip di Tarantino che convince solo a metà

Il nuovo film del regista italo-americano Quentin Tarantino dedicata alla Hollywood degli hippie e della controcultura convince solo a metà (ma quella metà è proprio wow)

Per poter parlare con un minimo di raziocinio di C’era una volta a… Hollywood, nono film di Quentin Tarantino, dobbiamo per forza di cose usare una bizzarra similitudine: questo film è una sigaretta intinta nell’acido del Manierismo del cinema di Tarantino (citando una delle scene in un certo senso “minori” del film, ovvero quella in cui Brad Pitt, alias Cliff Booth stuntman professionista, amico e “tuttofare” di Rick Dalton, l’attore in crisi interpretato da Leonardo di Caprio, compra una sigaretta “intinta nell’acido” da una giovane ragazza hippy ferma all’angolo di una strada).

Infatti in questo film è come se Tarantino avesse preso tutti i suoi feticci cinematografici e le passioni filmiche e le avesse intinte nel suo più puro Manierismo (nel senso anche artistico del termine). Il che non è male eh, intendiamoci, ma di certo non dona quell’effetto sorpresa che, alle volte, ci aveva saputo regalare.

La vicenda è nota e parla, come abbiamo citato prima, sostanzialmente della carriera in crisi di Rick Dalton, attore amatissimo negli Cinquanta e protagonista di una nota serie tv che ora nella “New Hollywood” dei tardi anni Sessanta non riesce più a ritagliarsi un posto nel cinema, i suoi “cattivi”, stereotipati e macchiettistici fino all’inverosimile, mal si sposano infatti con la nuova idea di cinema che registi quali Polanski in quegli anni stavano iniziando a veicolare. Lo stesso Polanski, guarda caso, con la sua bellissima moglie Sharon Tate, interpretata da una “simbiontica” Margot Robbie finirà per andare a vivere proprio a fianco della villa di Dalton. Verrebbe da dire “così vicini, così lontani”. Sullo sfondo, oltre alla Hollywood della controcultura, anche la California più inquietante delle sette sataniche, in particolare di quella di Charles Manson (anche se con un ruolo che definire marginale sarebbe esagerato).

In sostanza il film è tutto qui con un uso sapientissimo dei dolly che ci fanno ammirare, forse alla massima potenza in fatto di estetica e evocazione, i vari set delle pellicole in cui a Rick Dalton capita di lavorare e con quei “carrelli bassi” che si soffermano sui passi dei protagonisti che sono un vero e proprio marchio di fabbrica di Tarantino. Ecco di questi marchi di fabbrica il film è pieno. Non soltanto a livello di puro citazionismo, con una serie veramente impressionanti di divi e starlette televisive degli anni Sessanta che vengono menzionati, ama anche dal punto di vista stilistico.

C’è l’ossessione-passione per i piedi femminili, per i film “cosiddetti” di serie-B, l’omaggio a Sergio Corbucci e ai suoi spaghetti western così come ai film di karate di Jackie Chan sino alla solita colonna sonora di urlo.

Manca però il ritmo, il ritmo incalzante e senza respiro dei film migliori di Tarantino nonostante, l’ennesima, prova di recitazione pazzesca di Leonardo Di Caprio con tanto di, bellissimo, monologo tra se e se nella roulette poco prima di girare una scena particolarmente importante. Nonostante questo, nonostante risulti un film scollato, con scene le une molto “distaccate” dalle altre (ma sempre contraddistinte da un’estetica clamorosa), C’era una volta a… Hollywood affascina perché è “Manierismo tarantiniano” all’ennesima potenza. Ciò non vuol dire che sia un film solo per fan sfegatati di Tarantino perché il Manierismo e il gusto per il cinema del regista italo-americano negli anni è diventato talmente pop che un pubblico molto ampio sicuramente apprezzerà le sue scelte. E i tanti attori presenti su schermo anche con piccoli cameo (come Al Pacino o Maya Hawke, di lei  vi abbiamo parlato qui).

Rimane però quel gusto un po’ così di un film che poteva essere grandioso, una sorta di hommage definitivo a, forse, l’ultima grande età dell’oro del cinema hollywoodiano e che non è, al netto di scene gustosissime, spassose e girate ad arte e che invece non è stato. Sì esatto, proprio come abbiamo detto all’inizio C’era una volta a… Hollywood è il cinema di Tarantino immerso nel suo stesso Manierismo: il trip c’è ma è un puro esercizio di stile (anche se, il nostro consiglio spassionato e di aspettare la fine del film per dare un vostro giudizio completo, perché quella fine è tutto). E poi poter ammirare Margaret Qualley (nostro instant-crush dai tempi dello spot di Kenzo di qualche anno fa) vale, ampiamente, da solo, il prezzo del \biglietto e la visione al cinema.

Peace&love gringos!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >