Serie tv Netflix
TV e Cinema
di Eva Cabras 21 Febbraio 2018

Affinità e divergenze tra Everything Sucks e il disagio della provincia italiana negli anni ’90

Serie tv Netflix

 

Proseguendo sull’onda del filone nostalgia, Netflix ci regala le avventure anni ’90 di Everything Sucks!, un teen drama divertente e godibile ambientato nella provincia americana analogica ai tempi del VHSDi incursioni negli anni ’80 ne abbiamo già avute parecchie, a partire dal clamoroso e sempreverde successo di Stranger Things, e il trend in evoluzione pare aver fatto proprio il decennio successivo, quello che i trentenni di oggi ricordano con un misto di orrore e affetto, soprattutto se l’hanno vissuto nell’equivalente provinciale di prodotti come Super Dark Times (sempre su Netflix) o nella versione italiana della cittadina di Boring (letteralmente traducibile con noioso).

 

everything sucks

 

Tra la nostra adolescenza e quella di Everything Sucks! ci sono sicuramente delle analogie evidenti. I protagonisti sono ragazzi ai primi anni delle scuole superiori, c’è il gruppo dei nerd che si occupa del club dell’audiovisivo (l’av club), nascondendo la propria goffaggine dietro i prodigi della tecnologia, e c’è il gruppo dei fighi che comandano il club di teatro (il drama club). I due schieramenti si ritroveranno, nella serie tv, a collaborare alla realizzazione di un film fantascientifico, dimostrando di avere in gran parte le medesime aspirazioni e le medesime paranoie. Quanto ci sono familiari quelle cotte non corrisposte, quegli esperimenti con le droghe fatte in casa e quel sollievo esistenziale che soltanto la musica bella riesce a dare? Le affinità con gli anni ’90 come li conosciamo noi finiscono più o meno qui.

 

everything sucks

 

Per ogni affinità che troviamo tra Everything Sucks! e gli anni ’90 italiani ci sono almeno dieci differenze, una più dolorosa dell’altra. La provincia americana somiglia comunque a migliaia di film cult che abbiamo divorato estasiati, che ci sembrava inarrivabile anche nella noia, perché la nostra provincia non era quella di Empire Records, era quella di Con un deca degli 883, dove c’era una discoteca ogni 106 farmacie. Boring sta nell’Oregon, a un tiro di schioppo da Portland, dove i due giovani protagonisti della serie Netflix riescono a vedere un concerto di Tori Amos. A noi andava bene se intercettavamo un live di Alexia in piazza durante la festa del Santo Patrono.

 

everything sucks

 

Per non parlare poi del sistema scolastico. Vi ricordate tutti com’era la vita alle superiori, giusto? A Boring non studia mai nessuno, non c’è l’ansia per i voti, i compiti a sorpresa, il bisogno di preparare i bigliettini segreti per la versione di latino. Non so voi, ma io al liceo ho avuto la mia sana dose di 4 conditi dalla paura di tornare a casa e non sapere come dirlo ai genitori. In Everything Sucks! pare che l’apprendimento sia solo un noioso effetto collaterale della scuola, dove si sguazza continuamente tra club e progetti extracurricolari. Ogni attività creativa della Boring High School ha il suo arsenale di attrezzatura: il drama club ha il teatro interno per prove e recite, l’av club ha le videocamere e i microfoni, usati addirittura per produrre un tg scolastico che va in onda ogni mattina in classe! Altro che alieni con la faccia blu, la vera fantascienza è incarnata da una scuola che porta meno di dieci studenti in gita in California per far loro girare qualche scena davanti a una specifica formazione rocciosa. Scherziamo? La gita più incredibile che ci poteva essere proposta a quell’età è un pomeriggio alle Cinque Terre per vedere come si fa il vino.

 

Anche il bullismo nei confronti delle persone che non rientravano nel concetto accettabile di normalità dei 90s è sensibilmente diverso nella fiction USA e nella realtà di provincia italiana. Nel caso vi fossero compagni di scuola con preferenze sessuali diverse dalla massa, i malcapitati non avrebbero fatto vita per 3 anni di medie e 5 di liceo, garantito. Altro che scherzi telefonici e qualche birra da bere.

Everything Sucks! rimane una serie molto carina e piacevole da vedere, con la colonna sonora azzeccata e i riferimenti giusti a esperienze che ci accomunano nell’agrodolce della nostalgia. Rimane il fatto che ai liceali italiani di fine secolo sembri comunque un altro mondo, qualcosa di hollywoodiano ed estraneo, ben lontano dal disagio provinciale dell’isolazionismo e della fame di cultura. Facciamo scrivere una serie tv a Max Pezzali e poi ne riparliamo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >