Futura – Jazz, Milano e tanto caos

Il debutto di Lamberto Sanfelice è un film molto confuso sul piano dell’intreccio, ma forte di un immaginario visivo – e musicale – che fa ben sperare sul futuro del regista

Louis è francese ma vive a Milano. Nonostante il suo grande talento da trombettista jazz – ereditato dal padre – guadagna guidando il taxi di notte acompagnando la trans Lucìa nelle sue azioni di spaccio di droga. In questo modo cerca di contribuire al mantenimento della figlia Anita, anche lei con la passione della musica, suonatrice di pianoforte. La moglie – forse ex, non è molto chiaro – sospetta qualcosa ma non arriva mai a domandare esplicitamente da dove venga quel denaro. La svolta avviene quando Louis decide che deve tornare sulle orme del padre, per superare una volta per tutte il complesso di inferiorità che lo a portato a lasciare la tromba nella custodia. Ma l’abbandono degli affari loschi non sembra essere accettato da Lucìa e dai suoi aguzzini, che iniziano a perdere terreno, rischiando di far finire lo stesso Louis nei guai.

Futura è un film che prova a camminare su un filo molto sottile, ma non riesce mai a stare in equilibrio, andando sempre a finire con due piedi in uno dei due territori che gli stanno accanto. Il primo, quello in cui Lamberto Sanfelice – al suo debutto con un lungometraggio – sembra riuscire a muoversi con più agio e capacità, è quello del racconto dell’emotività attraverso i colori, come nelle notturne ambientate nei club milanesi come il Plastic, cariche di rossi e di blu. Scontato ma a tratti apprezzabile è il richiamo a registi come Refn o Noè, che nella loro carriera hanno reso queste due tonalità  quasi ossessivamente caratteristiche del loro stile. Di notte Futura scorre nella giusta direzione, tra il marcato hipsterismo stilistico e la sincera cupezza che accompagnano Louis nei suoi viaggi in taxi, nelle sue serate fuori controllo, nei suoi tentativi di ritrovare il legame perduto col jazz. Ma laddove la notte porta interesse per lo svolgimento della storia, nel momento in cui si prova a conciliarla col giorno, iniziano a palesarsi come buco dopo l’altro i difetti di scenegguatura. Sembra quasi che si stia assistendo a due storie separate ma interpretate dallo stesso attore. Quando manca un collante tra due categorie di personaggi può verificarsi uno scompenso, una confusione poco sostenibile. Ma quando sono le due anime di uno stesso personaggio a non essere rappresentate con coerenza, non c’è giustificazione che tenga.

Sorgono dunque alcune domande più che legittime. Innanzi tutto, la rinascita del Louis musicista – che lo porterà ad accantonare il malaffare e a rischiare di finire nel mirino degli aguzzini di Lucìa – viene seguita con sempre minor interesse, e quindi si arriva al punto in cui ci si chiede se ne valeva davvero la pena. In questo modo il jazz, che dovrebbe essere il grande motore dell’intera pellicola, viene marginalizzato alla bellissima colonna sonora di Di Battista e Rava – saggiamente inseriti anche nel cast – e a qualche momento in cui la band a cui si unisce il protagonista suona dal vivo. Il personaggio dello stesso Di Battista, che durante le prove sembra essere il coordinatore del gruppo di musicisti, svanisce col perdersi del focus sull’elemento musicale. La passione per il jazz  e l’urgenza con cui Sanfelice prova a raccontarla è palpabile, semplicemente il giovane regista e lo sceneggiatore Fabio Natale si sono complicati la vita, inserendo troppe sottotrame, tutte poco a fuoco. E non si parla solo del crimine in cui Louis è coinvolto, ma anche dei rapporti con la figlia Anita, che sembrano stratificarsi in modo realistico durante tutto lo svolgimento, fino a quando alla piccola non accade un incidente assurdo totalmente dal nulla, ed è lì che viene da gettare definitivamente la spugna, perché anche questa deriva conclusiva iper drammatica non viene assecondata, e il colpo di scena muore nella sua timidezza. Quello che non riesce a fare la sceneggiatura è offuscare la prova attoriale di Niels Schneider, alle prese con l’italiano, e di Daniela Vega – protagonista nel 2017 del bellissimo Una donna fantastica – che però paga molto la poca consistenza dei dialoghi. Delude invece Matilde Gioli, inespressiva e debole.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Potremmo dire che Futura sia un buco nell’acqua necessario. Necessario al suo autore, che dai tanti errori e contraddizioni di questo esordio può ripartire, consapevole di avere in saccoccia un potenziale visivo che non lascia indifferenti. Un’altra nota di merito va fatta alla scelta di aver fatto espatriare il crimine, da Roma a Milano. La città meneghina viene trattata con meno reverenza della capitale, e mostrata come una ladra di sogni, che ruba l’anima dei personaggi, ma non pretende di essere protagonista invadente. In questo senso sono apprezzabili le ambientazioni al Teatro degli Arcimboldi e allo Spirit de Milan, e  anche la scena dentro l’Hangar Bicocca, intrisa di un onirismo inguistificato ma dalla sospensione delicata. Rimane un – ulteriore – dubbio sul significato del titolo. La canzone di Dalla dovrebbe non essere coinvolta, ma almeno su questo concediamoci il beneficio del dubbio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >