TV e Cinema
di Mattia Nesto 4 Febbraio 2019

Il Primo Re non è un film perfetto ma la strada è quella giusta

Il film di Matteo Rovere con Alessandro Borghi non convince completamente ma ha delle bellissime trovate

Diciamoci la verità. Quando termina l’ultima scena de Il Primo Re ti sale proprio quella voglia canaglia di pigliare il primo gladio a portata di mano, puntarlo contro il sole e gridare, anche se tifi Lazio da quando hai tre anni, “Roma, Roma, Roma!”. A parte quindi il fomento, assoluto, con cui Matteo Rovere lo  chiude, Il Primo Re non è certamente un film perfetto ma ha delle trovate pregevolissime che certificano come per il cinema italiano, di genere e non, la strada maestra sia proprio questa.

Il primo trailer, quello apparso lo scorso dicembre, ci aveva fatto prendere bene e non è che queste ottime sensazioni in sala poi siano state tradite. Infatti Il Primo Re è proprio epico e brutale come ci si aspettava, con momenti davvero molto forti e cruenti e, in particolar modo sono ottime le scene d’azione, davvero ben realizzate, molto al di sopra anche delle produzioni italiane più importanti. Eppure quello che manca, ed è questo il principale difetto del film di Rovere, è il ritmo che non riesce ad essere né omogeneo né discontinuo per creare tensione ma è un semplice saliscendi tra i già citati momenti di fomento assoluto e altri, bisogna proprio dirlo, che fanno un po’ sonnecchiare. Eppure l’estetica c’è tutta, intendiamoci, con i guerrieri proto-romani e quelli italici abbigliati come una specie di via di mezzo tra un Dark Souls ambientato lungo le rive del Tevere e un The Revenat in salsa capitolina.

Quest’estetica pazzesca, che tra l’altro viene anche esaltata dall’ottimo ricorso (una scelta che abbiamo trovato oltre che deliziosa anche di chiara ascendenza videoludica) di particellari a iosa, non trova un contrappunto nelle parti recitate. Infatti quel protolatino tanto sbandierato in sede di presentazione non fa che appesantire il tutto e non perché sia particolarmente difficile seguire un film sottotitolato (anche se per l’utente medio è ancora un grosso ostacolo) quanto perché  (un po’ come The Revenant già citato) è quasi del tutto superfluo. Gli attori si scambiano infatti poche battute, alcune memorabili ma in larga misura assolutamente in più, che non approfondiscono né il contesto storico, né la psicologia dei personaggi né magari eventuali colpi di scena. Il Primo Re è un film che si sarebbe potuto reggere benissimo senza neppure una battuta o anche solo con quella, epica, anzi epicissima della scena finale (che da sola, ve lo diciamo ancora una volta, vale l’intero prezzo del biglietto, pure se si è scelto di seguirlo nella poltrona vip).

Di Alessandro Borghi ne vogliamo parlare? Il Golden Boy del cinema italiano ancora una volta non sbaglia e funziona la contrapposizione tra suo fool shakespeariano Remo e l’apparente placido Romolo, interpretato da Alessio Lapice. I due sono i reali contrappunti tra il nascente popolo di roma con Borghi che ne incarna l’animo pugnace e battagliero, se non sanguinario e guerrafondaio e Lapice quello più politico e rispettoso degli usi, dei costumi e delle tradizioni. Interessante poi l’interpretazione di Tania Garibba ovvero la vestale che i due fratelli rapiscono dalla città nemica di Alba Longa (anche qui per l’estetica il rimando a Hellblade: Senua’s Sacrifice è evidente anche se magari non voluto).

Insomma, a conti fatti Il Primo Re è un ottimo e pregevole tentativo di rinverdire in tono epico e cazzuto l’epopea dei peplum di casa nostra. Un tentativo che, a conti fatti, in parte è fallito  ma che non può essere giudicato in modo troppo negativo. Borghi è bravissimo, non lo scopriamo certo oggi e Rovere “anche se ha le spalle strette” si farà in futuro. Così come Roma ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie (già proprio come i suoi colli) per diventare la Regina del Mediterraneo, così anche il nostro cinema epico ne deve fare di strada per inventarsi un suo, tanto per dire, Kratos in salsa filmica.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >