TV e Cinema
di Mattia Nesto 6 Settembre 2021

The Father: la solitudine dell’animo umano

Anthony Hopkins e Olivia Colman diretti dall’esordiente Florian Zeller portano sugli schermi un film memorabile che ha già vinto due oscar

Nei giorni, anzi nelle ore, immediatamente successivi alla nostra visione di The Father, film che durante gli ultimi Premi Oscar si è aggiudicato due statuette – Premio come Miglior attore protagonista ad Anthony Hopkins e Premio come Migliore sceneggiatura non originale a Florian Zeller e Christopher Hampton (qui se siete curiosi la cronaca di quella pazza nottata) – abbiamo letto una notizia che ci ha abbastanza sconvolto. Si tratta del sì dato dalla Food&Drug Amministration, l’ente statunitense che si occupa dell’approvazione dei medicinali, al farmaco sperimentale Aducanumab capace, come si legge nel pezzo di la Repubblica “di rallentare il declino in fase lieve di pazienti affetti da Alzheimer“. Ora la cosa curiosa, quasi inquietante, è che tutto The Father è un film, e ancora prima una pièce teatrale, che ruota  appunto sul lento disfacimento, non tanto fisico quanto mentale, cognitivo e mnemonico di una persona. Ma detto così sembrerebbe un film doloroso, lento, con un finale e una trama scontata. E invece, al di là dell’orrendo sottotitolo della versione italiana (“Nulla è come sembra”, che pare essere più adatto a un film sulla truffa e il gioco d’azzardo piuttosto che a una pellicola del genere), il film in questione è straziante, meraviglioso e profondo come una pozza di catrame.

Il set è facile da spiegare: si tratta di un classico film Kammerspiel, ovvero “film da camera” dove, con un’impostazione che appunto ricorda molto da vicino la sua originale trasposizione teatrale, vediamo gli attori (pochi e meravigliosi) muoversi in ambienti intimi, quasi ristretti, di un appartamento. In questo spazio ridotto si muovono i già citati Anthony Hopkins e Olivia Colman che interpretano i ruoli, quasi metafisici e identitari, del padre e della figlia. Il padre, da quanto si capisce sin dai primi istanti, è stato un uomo di una certa rilevanza che dopo aver perso la moglie, si ritrova suo malgrado solo con soltanto la figlia a fianco. A questo si aggiunga la sopracitata perdita di memoria, dovuta appunto a una patologia molto simile all’Alzheimer. Ma se state pensando che The Father racconti, come abbiamo detto, il lento disfacimento di una mente umana beh, vi state sbagliando di grosso. O, quantomeno, state intravedendo solo la punta dell’iceberg.

A differenza, ad esempio, dell’incredibile Amour di Michael Haneke, in questo caso i segni della malattia non sono fisici ma tutti mentali, anche in questo caso c’è una sorta di patologia “da camera”, vista dall’interno. Ed è questo il grande merito del film è che invece di narrarci una malattia, in qualche misura, ce la fa vivere da protagonista perchè tutta la narrazione è, appunto, la mente del malato, la mente di Anthony che, in un processo non repentino ma costante, via via va a sfaldarsi confondendo luoghi ma soprattutto persone ed anche il tempo, anzi i tempi diversi, della vita.

A prima vista Anthony, seppur anziano, non pare essere una persona malata. Ascolta la musica, canticchia le arie delle opere e si prepara il tè in un elegante e spazioso appartamento londinese. Insomma pare un anziano signore completamente autosufficiente. E invece questo è un inganno, un inganno auto-inflitto da una mente piagata da una subdola malattia. Malattia che, purtroppo, non fa solo soffrire colui che ce l’ha, ma anche la figlia che non solo è costretta a trovare una soluzione nei confronti di un genitore non auto-sufficiente ma si trova anche alle prese con i continui cambi di umore e atteggiamento del padre. Con grandissima classe Florian Zeller ci fa capire come i rapporti tra il padre e la figlia non siano mai stati idilliaci: a più riprese Anthony ricorda come, in realtà, la sua figlia preferita sia “l’altra”, non quella che attualmente si occupa di lui, con tanto amore e tanta sofferenza.

E così la figlia, una incredibile Olivia Colman, dovrà cercare di fare i conti con un genitore tanto più ingombrante e difficile da gestire quanto più malato trovandosi in bilico tra la naturale spinta a curarsi del genitore e il desiderio, altrettanto sacrosanto, di poter vivere la sua vita, i propri affetti e le proprie relazioni. Questo dilemma non solo è straziante ma anche dannatamente reale e concreto e, forse, molti di voi l’hanno vissuto o lo stanno vivendo proprio in questo momento. Al tempo stesso Anthony Hopkins, con le sue lunghe e lente passeggiate in un appartamento quasi sempre deserto e silenzioso ma in continuo mutamento (forse si modifica nella sua mente?) ci regala l’ennesima interpretazione da leone assoluto. Ci sono dei momenti, quando con i suoi occhi cerulei scruta la casa, magari un po’ in ombra, che davvero abbiamo fatto fatica a trattenere le lacrime. Lacrime di vita, lacrime di scena, non fa differenza: chissà se il farmaco di cui vi abbiamo citato renderà, in qualche misura, “obsoleto” la patologia qui raccontato. Noi, francamente, ce lo auguriamo ma, vada come vada, vi consigliamo di andare al cinema e vedere The Father: sarà doloroso, sarà straziante, sarà difficile ma sarà anche bellissimo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >