TV e Cinema
di Diego Cajelli 25 Novembre 2015

Il Viaggio di Arlo, il nuovo film Pixar è un western con i dinosauri

Un mondo in cui gli uomini sono gli animali da compagnia dei dinosauri

Se a qualche adulto non piacciono le storie basate sul viaggio di formazione è perchè quel viaggio lo ha già fatto ed è arrivato nel posto sbagliato.
Adultolandia è un brutto posto, fidati.

È talmente un brutto posto che quando noi adulti andiamo a vedere un film per bambini ci andiamo con lo zaino pieno di roba che sappiamo, cerchiamo i paragoni con le cose che abbiamo già visto, filtriamo il tutto con quello che crediamo di sapere, siamo pieni di tutte le certezze adultologiche che importano soltanto a noi. Ecco perchè, da adulto, ti dirò che Il Viaggio di Arlo è un buon film western. Un western anni settanta, dove al centro della vicenda c’è il protagonista in lotta contro se stesso e contro la natura aspra e selvaggia. L’iper realismo dei fondali e degli ambienti naturali, in contrapposizione alla buffa e tondeggiante resa grafica dei protagonisti, accentua ancora di più questo aspetto. La fotografia ricorda tantissimo quella di Corvo Rosso Non Avrai Il Mio Scalpo, tanto per dire.

 

viaggio-arlo-1

 

La matrice western si svela fin dal prologo, una versione dinosauresca de Il Texano Dagli Occhi di Ghiaccio (senza ecatombe iniziale) e si conferma, esplicitandola anche per le cape toste, nelle sequenze con i T-Rex mandriani. Ma, del resto, non è il primo e non sarà l’ultimo film western con degli animali. Anzi, la Disney stessa tra gli anni ’50 e gli anni ’70 ha prodotto un bel po’ di live action con protagonisti animali e pochissimi uomini, da Big Red, passando per Nikki, Wild Dog of the North, arrivando a La Leggenda di Lobo e Bobby, il cucciolo di Edimburgo. Disneyanamente parlando, Il Viaggio di Arlo è un film tradizionalissimo, un Festival di Sanremo cinematografico, solido, formale e consueto.

 

viaggio-arlo-3

 

Tornando agli animali disneyani più recenti, non è una variante sauresca di Alla Ricerca di Nemo e tantomeno una versione preistorica de Il Re Leone. Dove trova la sua unicità questo film, che arriva a occupare un posto assai strettino nel colossale zoo cinematografico delle produzioni diseneyane? Nel ribaltamento alla base del plot. Si crea un cortocircuito interessante tra Arlo, il cucciolo di apatosauro protagonista del film e un bambino umano di nome Spot. Spot è l’equivalente americano di Fido, è un tipico nome canino, ma in questa pellicola quel nome viene affibbiato a un cucciolo umano. Il ribaltamento è nel ruolo che hanno gli umani. Nel mondo di Arlo sono delle bestioline, perchè sono i Dinosauri la specie dominante che ha civilizzato il pianeta. Il piccolo Spot è un umano selvaggio, che si comporta proprio come i cani disneyani degli anni del Technicolor: protegge il suo amico dinosauro, civilizzato. Lo aiuta nel suo percorso di formazione. È al suo fianco in quel viaggio dell’eroe che vedrà il ritorno a casa del protagonista cambiato, maturato e rinvigorito dai triboli che ha affrontato. Nel contesto del film, i dinosauri parlano, gli umani no. I dinosauri hanno formato una civiltà stanziale, basata sulla coltivazione, gli uomini no. Sorvolando i parallelismi con Il Pianeta delle Scimmie, questo lavoro sui personaggi apre a una serie di riflessioni.

 

viaggio-arlo-2

 

L’immedesimazione con Arlo è forte. Si salda fin dall’apertura dell’uovo e si conferma attraverso le sue diversità fisiche e caratteriali. Questa è la grande lezione narrativa che scorre nel midollo stesso della Pixar, qui riconfermata. I drammi che vive il protagonista sono drammi totali. Subisce la più grande e crudele delle perdite. Non si va per il sottile e non si va giù leggeri. Perchè? Perchè questo è un classico e siamo al cinema, non in televisione. Il mio cuore di bimbo vacilla, come vacillò con Bambi, o con Il Re Leone, ed è giusto che sia così perchè l’alba arriva soltanto dopo una lunga notte oscura. L’arrivo in scena di Spot mi spiazza. Mi riconosco in lui, apparteniamo alla stesse specie, ma nel frattempo mi sono legato emotivamente con un dinosauro.

La chiave, l’unicità del film è tutta qui.
In quanto essere umano, posso essere considerato come un cane per qualcun’altro?
È possibile comunicare, collaborare, condividere lo stesso spazio emotivo tra specie diverse? Allargando il discorso, trasportandolo fuori dalla chiave metaforica del film: è possibile comunicare, collaborare, condividere lo stesso spazio emotivo tra umani che si dichiarano diversi tra loro?
Comunque vada, se mai diventerò il cane di qualcuno, spero che questo qualcuno sia gentile con me come lo è Arlo con Spot. E forse, questo film, può servire a spiegare che anche se hai la pelle verde e sei un quadrupede erbivoro, puoi essere amico di un arruffato cucciolo di mammifero. Vedila come vuoi, ma a me questa morale piace un bel po’. Soprattutto di questi tempi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >