pokemon go realtà aumentata
Web
di Mattia Nesto 7 Luglio 2016

Che cos’è Pokémon Go e perché è il gioco dell’estate

Catturare pokémon in giro per strada con uno smartphone e la realtà aumentata? È Pokémon Go: e una volta che inizi, non riesci più a smettere

pokemon_go  Ecco cosa faremo tutta l’estate

 

Ore sei, suona la sveglia. Mi alzo dal letto un po’ assonnato, ma non importa, perché lo so, oggi sarà una giornata campale: mi infilo la maglietta, un paio di pantaloncini, le mie scarpe preferite e anche un cappello, bianco e rosso di tela. Sono pronto e deciso, vado al parco. Ma non ci vado per una corsetta mattutina, ma perché le prime ore del giorno sono il momento ideale per catturare dei pokémon coleottero nel parco sotto casa. Ecco come Pokemon Go ha cambiato la mia vita.

Ma che cos’è Pokémon Go? È il videogioco per smartphone sulla bocca di tutti, quello che ha per protagonisti quelle simpatiche creaturine inventate – poco meno di trent’anni fa – da Satoshi Tajiri (letteralmente “pocket-monsters”: mostri tascabili) e che, dopo innumerevoli trasposizioni come cartone animato, giochi per GameBoy, film e gadget vari, sbarcano nel mondo smartphone per non lasciarci mai soli. Nel vero senso della parola.

 

 

Pokémon Go (la cui app è uscita il 6 luglio in Australia e in America – in Italia ufficialmente arriverà a metà luglio ma è già disponibile in qualche store digitale) sfrutta la realtà aumentata e la fotocamera del nostro telefono. Infatti attraverso essa si potrà vedere il pokémon che si desidera catturare, ad esempio, saltellare allegramente sotto l’arco di Porta Romana a Milano. Ecco che allora, sfruttando le pokeball, si potrà collezionare quell’animaletto e via così: in un’ideale quanto fisica mappa della città alternativa, si potranno scoprire anche posti fin qui mai visitati, sempre alla ricerca del pokémon perduto.

Gli sviluppatori di Nintendo (primo caso in cui la casa giapponese si è dedicata a un gioco per smartphone) hanno spiegato che hanno realizzato questa app pensando di “Portare le ragazze e i ragazzi di tutto il mondo ad esplorare le proprie città e paesi, spinti dal desiderio di catturare i pokemon. Un modo come un altro, ma molto più divertente – hanno aggiunto dalla sede di Kyoto – per far sì che i ragazzi si muovano e facciano anche un po’ di attività fisica”.

Ci sarà anche la possibilità – ma soltanto in un secondo momento dalla release ufficiale – di acquistare un bracciale che segnalerà la presenza di creature nelle vicinanze, ovunque ci si trovi. E la sensazione che sia molto un gioco fisico e di sudore la si prova sin dai primi minuti.

 

 

A questo proposito a differenza della classica trasposizione su GameBoy che ti costringeva ad interminabili sedute di gioco completamente immobile e isolato dal resto del mondo, Pokémon Go ti porta a girare e muoverti in lungo e in largo: ecco un Rattata in salotto, poi uno Squirtle nel laghetto in mezzo alle anatre e, udite udite, un Mankey nella sezione latticini del supermercato in periferia. “Non ho mai sudato tanto per un videogioco” si è letto nei forum e nei dibattiti on line.

Anche se per il momento, come dicevamo, in Italia è disponibile soltanto la versione beta (tra l’altro non sicurissima da scaricare) ma già moltissimi ci stanno giocando. Per tastare il polso e capire come è stato accolto questo gioco dal pubblico italiano ho realizzato alcuni sondaggi campione in alcuni gruppi di Facebook.

I risultati sono stati abbastanza chiari: molti si sono lamentati della carenza del segnale GPS e della lentezza dei caricamenti (ma d’altronde, essendo una versione di prova, non si poteva pretendere poi molto di più), tuttavia tantissimi si sono dichiarati entusiasti dicendo di aver passato tutta la giornata di ieri a catturare pokemon in quantità industriale.

 

 

 

Ho convinto mia mamma a fare un giro in macchina solo per catturare un Doduo” spiega una ragazza mentre un ragazzo rincara la dose: “Ho trovato molto divertente quando in cortile ho preso uno Zubat che svolazzava sornione sopra il mio cane” e ancora un altro ragazzo: “Da quando ho scaricato Pokémon non vado in nessun posto, dalla stazione del treno allo studio del mio dentista, senza tirare, con un po’ d’ansia, il telefono alla ricerca di qualche pokemon nelle vicinanze: è diventata una vera ossessione!”.

A conti fatti questo è il gioco dell’estate 2016: dai Super Liquidator sempre più potenti e deflagranti degli anni novanta a un gioco in cui si mima di catturare dei mostricciattoli con una pallina immaginaria, ecco servita l’evoluzione tecnologica! Ma ora devo andare: ho visto un Magmar entrare nel retro del supermercato, probabilmente si sarà rintanato nel girarrosto dei polli: ma tanto lo sa già di non avere scampo.

Si ringraziano le ragazze e i ragazzi del gruppo Facebook Diesagiowave per essersi prestati al mio sondaggio.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >