Il librottiglia, la bottiglia di vino con un racconto da sfogliare sull’etichetta

Una bella idea per passare una serata in tutto relax

Alcol
di Simone Stefanini facebook 18 novembre 2016 12:10
Il librottiglia, la bottiglia di vino con un racconto da sfogliare sull’etichetta

 

Il vino e la lettura sono sempre stati buoni compagni, stavolta però sembrano propri essere inseparabili. L’agenzia Reverse Innovation – insieme all’azienda vinicola Matteo Correggia – ha creato il Librottiglia, una bottiglia di vino con un racconto stampato sull’etichetta, che diventa così un piccolo libro da sfogliare.

La label book è infatti la caratteristica principale del design di questo progetto, la cui copertina è illustrata con un’illustrazione che caratterizza il racconto. L’etichetta-libro è chiusa con un cordino che stabilisce un ideale filo conduttore tra le varie bottiglie, che sono più piccole del normale, con una capacità di 375ml, in pratica due bicchieri di vino per una serata tutto relax.

Sono tre gli autori coinvolti in questo progetto. La cantautrice Patrizia Laquidara con la favola La rana nella pancia, abbinata al vino rosso Anthos, un brachetto secco. Per il nebbiolo rosso rubino del Roero è stata scelta Regina Nadaes Marques col racconto Ti amo, dimenticami. L’omicidio, di Danilo Zanelli, giornalista e autore satirico è stato invece abbinato al bianco Roero Arneis.

 

 

Abbiamo chiesto a Mirco Onesti, il direttore creativo di Reverse Innovation come sia nata l’idea di abbinare la lettura alla bottiglia di vino. Questa è la sua risposta:

L’innovazione è nel DNA della nostra agenzia e, come le idee più semplici, Librottiglia nasce dell’osservazione e dell’unione di due piaceri comuni a molte persone. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un considerevole aumento di interesse alle piccole porzioni così come per i prodotti da collezionare. È bastato uno sguardo più attento a questi due settori per capire che c’era spazio per un prodotto semplice e al tempo stesso innovativo.    

          

Librottiglia libri racconto etichetta intervista librottiglia

 

Per quanto riguarda il genere letterario del racconto, è stato scelto per sposare al meglio la caratteristica del vino a cui è abbinato favorendo così un’esperienza sensoriale completa. La bottiglia di piccolo formato, da 375ml, è stata scelta perché racchiude in se il concetto del progetto: una breve storia da leggere mentre si sorseggiano due calici di vino. 

Un’idea intrigante che non mancherà di trovare il suo pubblico. Noi intanto vogliamo assolutamente degustare la combo.

 

Librottiglia librottiglia

COSA NE PENSI? (Sii gentile)